Assassin's Creed: la serie potrebbe abbandonare definitivamente l'uscita a cadenza annuale

Il CEO di Ubisoft apre alla possibilità di abbandonare definitivamente la pubblicazione a cadenza annuale dei futuri capitoli di Assassin's Creed per migliorarne la qualità

assassins-creed-serie-12-02-2016.jpg

Come abbiamo avuto modo di scoprire nei giorni scorsi, nel 2016 non ci sarà alcun nuovo videogioco "maggiore" della serie di Assassin's Creed: la serie tornerà nel 2017 per dare modo ai vertici di Ubisoft e alle software house impegnate nel progetto di ripensare al modello di sviluppo per permettere all'epopea dei Templari e degli Assassini di sopravvivere a se stessa.

In un simile contesto si inquadrano le nuove dichiarazioni rilasciate ai colleghi di Gamespot dal presidente e amministratore delegato di Ubisoft, Yves Guillemot, in merito alla necessità di migliorare la qualità e l'originalità dei futuri episodi della serie di Assassin's Creed attraverso operazioni come quella dell'abbandono definitivo della commercializzazione a cadenza annuale.


    "Abbiamo deciso di pubblicare il prossimo capitolo di Assassin's Creed nel 2017, il nostro obiettivo è quello di abbandonare le uscite a ciclo annuale ma vogliamo anche che la serie venga aggiornata con regolarità. Ciò che stiamo facendo in termini di sviluppo del nuovo Assassin's Creed è davvero molto promettente, per questo crediamo che valga la pena abbandonare le uscite a cadenza annuale."

Le parole del CEO di Ubisoft arrivano dopo la conferma, da parte dello stesso colosso videoludico francese, dell'uscita nel 2017 del prossimo capitolo della serie di Assassin's Creed.

Il nuovo episodio di questa iconica saga action a mondo aperto, anche per questo, non è stato ancora annunciato: stando alle voci di corridoio circolate in Rete nelle scorse settimane, il prossimo capitolo della serie di Assassin's Creed (nome in codice "Empire") sarà ambientato nell'Antico Egitto e sarà caratterizzato da un sistema di gioco ispirato a The Witcher 3, con una forte componente free-roaming e una grande libertà di scelta nelle azioni da intraprendere e delle scelte da assumere in sede di dialogo. Staremo a vedere.

via | Gamespot

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO