Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag nuove console

[GDC 2012] NVIDIA: demo tecnica sulle potenzialità delle nuove schede grafiche

pubblicato da Michele Galluzzi

L’appuntamento di NVIDIA con la stampa di settore accorsa al GDC 12 di San Francisco ha consentito agli sviluppatori del colosso di Santa Clara di mostrare, attraverso la tech demo ripresa dai presenti e “giratavi” nel doppio filmato odierno, le straordinarie potenzialità delle loro nuove schede grafiche.

Le GPU basate su architettura Kepler, previste in uscita nei prossimi mesi, stando agli analisti e a molti osservatori videoludici dovrebbero avere una potenza computazionale analoga a quella espressa dalle schede grafiche di PlayStation 4 e Xbox Next.

Come potrete facilmente notare nel video in apertura d’articolo e nella seconda parte osservabile subito dopo la pausa, per realizzare questa demo tecnica gli uomini di NVIDIA hanno impiegato la versione dell’Unreal Engine utilizzata da Epic Games per il progetto Samaritan, legato allo sviluppo di un motore grafico specifico per l’hardware dei PC e delle console che verranno.

Continua a leggere: [GDC 2012] NVIDIA: demo tecnica sulle potenzialità delle nuove schede grafiche

[GDC 12] Epic Games: "vogliamo che le nuove console siano più potenti possibile"

pubblicato da David


Dopo aver rivelato alla stampa Infinity Blade: Dungeons per il nuovo iPad, Mark Rein, vice presidente di Epic Games, ha rivelato di star facendo continue pressioni sui produttori di console affinché rendano il più potenti possibili i sistemi casalinghi della prossima generazione.

«Non preoccupatevi. Ogni singolo giorno facciamo pressioni ai produttori delle piattaforme. Ecco perché abbiamo fatto la demo Samaritan, ed ecco perché stiamo mostrando una demo estremamente ‘high-end’ nella stanza qui dietro. Stiamo incitando fortemente questa gente, perché altrimenti Apple li supererà»

La tattica di Rein ha già funzionato in passato: dopo che nel 2006 aveva mostrato una demo avanzata di Gears of War a Microsoft, la multinazionale di Redmond aveva deciso di aumentare la RAM del progetto Xbox 360. Rein ha poi continuato a parlare dell’argomento. Troverete il resto dopo la pausa.

Continua a leggere: [GDC 12] Epic Games: "vogliamo che le nuove console siano più potenti possibile"

Bethesda e Lionhead al lavoro su PlayStation 4 e Xbox Next

pubblicato da Michele Galluzzi

Bethesda e Lionhead al lavoro su PlayStation 4 e Xbox Next

Per nulla intimidite dalla strategia oscurantista portata avanti da Microsoft e Sony per ritardare l’annuncio delle loro prossime console casalinghe, quest’oggi le alte sfere di Lionhead e gli sviluppatori di Bethesda decidono di rompere gli indugi dichiarando apertamente di essere al lavoro sull’hardware di PS4 e Xbox Next e di voler accelerare lo sviluppo dei loro progetti attraverso l’assunzione di personale altamente qualificato.

Sia nel caso dell’azienda americana che ha dato i natali alla saga di The Elder Scrolls che in quello del team di sviluppo inglese di Peter Molyneux autore di Fable, infatti, tra le figure professionali ricercate figura quella di programmatore con un’esperienza pluriennale da impiegare espressamente in titoli destinati a girare sulle console della prossima generazione.

Stando a delle voci di corridoio rincorsesi con insistenza durante tutto il mese di gennaio, l’annuncio delle prossime console casalinghe della famiglia PlayStation e Xbox dovrebbe avvenire durante l’E3 2012. Staremo a vedere: nel frattempo, aggiungiamo Lionhead e Bethesda alla lista (già molto ricca) delle case di sviluppo che hanno fatto outing a dispetto dell’atteggiamento reticente di Sony e Microsoft.

via | ZeniMax Careers, Microsoft Talent Network

PlayStation 4 e Xbox 720: i concept di Joseph Dumary

PlayStation 4 e Xbox 720: i concept di Joseph DumaryPlayStation 4 e Xbox 720: i concept di Joseph DumaryPlayStation 4 e Xbox 720: i concept di Joseph DumaryPlayStation 4 e Xbox 720: i concept di Joseph Dumary

....
condividi 9 Commenti

BioShock Infinite: secondo video-diario di sviluppo sul rapporto tra Booker ed Elizabeth

pubblicato da Michele Galluzzi

Considerato unanimemente come uno dei più autorevoli personaggi del settore, il boss di Irrational Games Ken Levine ha approfittato del secondo video-diario di sviluppo sul rapporto tra i protagonisti di BioShock Infinite per illustrare il suo punto di vista sulle potenzialità hardware delle console di questa generazione che, a suo dire, nonostante siano passati diversi anni dalla loro commercializzazione sono ancora inespresse:

“In termini puramente tecnologici e grafici, BioShock Infinite è un vero e proprio balzo in avanti rispetto al primo capitolo della saga, e sono sicuro che dalle console attuali si possa spremere ancora della potenza computazionale. Ciò che fa evolvere davvero i videogiochi non è l’hardware ma le idee degli sviluppatori, e gli sviluppatori di oggi hanno ancora una tonnellata di idee da esprimere in questa generazione.

In BioShock Infinite il rapporto tra Booker ed Elizabeth si evolve in modi fino a ieri impensabili per un prodotto d’intrattenimento, ma anche gli altri sviluppatori si stanno dando da fare: se guardate Arkham City, Uncharted 3 e Gears of War 3 vi accorgerete che di ‘vecchio’ c’è davvero molto poco. Stavo giocando ad Arkham City l’altro giorno e sono rimasto impressionato dalle possibilità offerte dal titolo: si può volare da una parte all’altra della città in maniera estremamente fluida, si vede sciogliere la neve sul mantello logoro di Batman… è bello sapere che nei videogiochi c’è ancora qualcosa in grado di suscitare emozioni così forti.”

BioShock Infinite è previsto in uscita nel 2012 su PC, PS3 e X360. La nuova generazione di console casalinghe di Sony (PlayStation 4?) e Microsoft (Xbox Next?), invece, stando alle ultime indiscrezioni dovrebbe vedere la luce tra la fine del 2013 e la seconda metà del 2014.

BioShock Infinite: galleria immagini

BioShock Infinite: galleria immaginiBioShock Infinite: galleria immaginiBioShock Infinite: galleria immaginiBioShock Infinite: galleria immagini

....
condividi 2 Commenti

Team Ninja: "non c'è ancora bisogno della nuova generazione di console"

pubblicato da David


Non c’è ancora bisogno di console di nuova generazione. A sostenerlo dalle pagine di Industry Gamers è Yosuke Hayashi, colui che ha preso in mano le redini del del Team Ninja dopo l’abbandono di Tomonobu Itagaki.

«Non credo che ci sia un gran bisogno della prossima generazione di console per far avanzare l’industria. Lo dico perché credo che i giocatori siano assetati di grandi contenuti, che non si poggiano necessariamente su nuovo hardware poiché ci sono altre vie per produrre un’ottima esperienza di gioco. Da avido videogiocatore, posso vedermi giocare su X360 e PS3 ancora per un po’, visto che usciranno ancora grandi giochi. La performance fine a sé stessa non è la chiave per l’avanzamento dell’industria videoludica.»

E ancora:

«Credo che il solo modo per poter vedere ancora qualche miglioramento sulle console dell’attuale generazione sia migliorare la grafica. Ciò dipenderà molto dall’abilità degli sviluppatori, ma qualsiasi nuova e grande evoluzione che potrebbe essere facilmente percepita dal videogiocatore medio sarebbe piuttosto difficile da realizzare»

Molti esponenti dell’industria sono in disaccordo sull’argomento. C’è chi invoca una nuova generazione che possa riportare le console a competere prestazionalmente con i PC, chi invece auspica ancora qualche anno per PS3 e X360. Quel che è certo è che giochi come Crysis 2 e Battlefield 3 hanno cominciato a farci vedere quanto ormai le console siano tecnologicamente arretrate rispetto agli attuali PC.

Epic Games: "Che siano gli sviluppatori a scegliere il prezzo di giochi e DLC, non i produttori di console"

pubblicato da Michele Galluzzi

Infinity Blade: immagini di gioco

In una lunga e dettagliata intervista concessa ai microfoni di Develop, il presidente di Epic Games Mike Capps si è lasciato andare ad una serie di interessanti considerazioni sul futuro dell’industria videoludica e sulle nuove forme commerciali adottate dalle case di sviluppo per rispondere alle richieste degli utenti nonostante l’immobilismo delle multinazionali produttrici di console:

“In questi ultimi anni, l’industria videoludica ha subito enormi mutamenti e si è evoluta in ogni ambito. Per questo penso che bisogna rivedere completamente il modello economico utilizzato fino ad ora dalle multinazionali produttrici di console: a loro dobbiamo il prezzo standardizzato dei giochi pacchettizzati e dei contenuti aggiuntivi, e questa politica eccessivamente conservatrice non può avere un futuro in un’industria che punta sempre di più sull’online, sul free-to-play e sugli aspetti sociali.

Le multinazionali dell’hardware si ostinano a proteggere la miope politica dei giochi e dei DLC a prezzo fisso, ed è proprio per questo che assistiamo al successo sempre più crescente di soluzioni aperte come Steam, in cui gli sviluppatori possono scegliere autonomamente il prezzo dei propri prodotti, siano essi titoli completi o contenuti aggiuntivi di vario tipo, arrivando addirittura a pubblicarli gratuitamente. Il prezzo dei giochi e degli oggetti virtuali deve ritornare di esclusiva competenza degli sviluppatori, e lo dico anche per il bene dei produttori di console.”

Un esempio della formula economica caldeggiata da Mike Capps per il mercato futuro delle console casalinghe e dell’industria videoludica in generale lo possiamo trovare già adesso tra le quattro mura di Epic Games: il progetto di Infinity Blade, infatti, grazie anche alle politiche di Apple (non propriamente “libere” ma certamente meno stringenti di Nintendo, Sony e Microsoft) si è potuto aggiornare costantemente su sistemi iOS e senza alcun sovrapprezzo. E voi, la pensate come il presidente di Epic Games o credete che le grandi major produttrici di console debbano continuare ad esercitare un crontrollo più o meno diretto sui prezzi dei titoli e dei contenuti aggiuntivi?

Infinity Blade: immagini di gioco

Infinity Blade: immagini di giocoInfinity Blade: immagini di giocoInfinity Blade: immagini di giocoInfinity Blade: immagini di gioco

PlayStation 4 e Xbox Next: nuove indiscrezioni sulla data d'uscita ipotetica

pubblicato da Michele Galluzzi

PlayStation 4 e Xbox 720: nuove indiscrezioni sulla data d'uscita ipotetica

Nella ridda di indiscrezioni sempre più insistenti sullo sviluppo della prossima generazione di console fisse targate Sony e Microsoft s’inseriscono quest’oggi le voci raccolte dai colleghi di Develop (qui il secondo articolo) secondo le quali gli studi interni di entrambe le compagnie stanno già occupandosi, seppur in forma ancora embrionale, dei titoli di lancio delle piattaforme successive a PS3 e X360. Ma non è tutto.

I segugi di Develop, infatti, affermano di aver scoperto che alcuni degli studi di sviluppo satellite di Sony stanno attualmente lavorando ai primi progetti per PlayStation 4 e che, contemporaneamente, anche Microsoft si stia muovendo in tal senso dando mandato ai Lionhead Studios di sviluppare un certo “Fable Next”, un titolo provvisorio che potrebbe indicare il nome finale della console (Xbox Next, per l’appunto).

In entrambi i casi, la potenza computazionale di questi gioielli tecnologici sarà straordinariamente elevata e la loro presentazione dovrebbe avvenire nel corso dell’E3 2013, con un periodo d’uscita previsto tra la fine del 2013 stesso (Xbox Next) e la seconda metà del 2014 (PS4).

Ubisoft: Wii U spingerà Sony e Microsoft ad accelerare lo sviluppo delle loro prossime console

pubblicato da Michele Galluzzi

Ubisoft: Wii U spingerà Sony e Microsoft ad accelerare lo sviluppo delle loro prossime console

Che Ubisoft punti forte su Wii U lo si è capito da subito: ancor prima dell’annuncio ufficiale della console fatto da Nintendo durante l’E3, infatti, il CEO della multinazionale videoludica francese, Yves Guillemot, si è più volte speso per affermare che la nuova creatura della grande N avrebbe dato uno scossone al mercato e sarebbe stata da subito “spremuta” grazie alle conoscenze accumulate in questi anni su X360 e PS3. Lo stesso Guillemot, in queste ore, ha ribadito il concetto ai microfoni di Gamasutra:

“Siamo stati sempre vicini a Sony, Nintendo e Microsoft durante il periodo di lancio delle loro console fisse e portatili, ed è un approccio che vogliamo continuare a mantenere anche in futuro. Nel caso di Wii U, poi, crediamo che spingerà l’industria videoludica a modificarsi in funzione delle innumerevoli innovazioni che porterà con sé questa nuova piattaforma, e noi naturalmente vogliamo far parte di questo cambiamento.

Adoro l’idea di avere uno schermo supplementare così vicino ai propri occhi, si possono inviare e ricevere informazioni tra lo schermo della TV e quello touchscreen con una velocità e una facilità disarmante. Con Wii U, penso che Nintendo ci stia lanciando un messaggio, un messaggio che ci dice che la transizione sta avvenendo e che manca davvero poco alla commercializzazione delle console della prossima generazione.”

Il discorso articolato dal CEO di Ubisoft, quindi, va a sommarsi ai pensieri espressi in queste settimane dai tanti addetti al settore che vedono nel Wii U una sorta di anello di congiunzione tra questa generazione di console e la prossima: e voi, come la pensate al riguardo?

AMD: i giochi sulla prossima Xbox avranno una grafica simile a quella del film Avatar

pubblicato da Michele Galluzzi

AMD: i giochi sulla prossima Xbox avranno una grafica simile a quella del film Avatar

Interpellato dai redattori di OXM sull’ipotetica potenza computazionale della prossima generazione di console Microsoft, Neal Robison di AMD non si è sbilanciato più di tanto sul reale coinvolgimento della sua compagnia nello sviluppo di Xbox 720 ma, tuttavia, si è lasciato andare ad una serie di interessanti dichiarazioni sulla bontà grafica che bisognerà attenderci dai videogiochi che saranno realizzati in futuro per questa piattaforma:

“La prossima Xbox saprà far girare giochi con standard grafici analoghi a quelli di Avatar, gli appassionati ne saranno entusiasti. Un simile livello tecnologico verrà raggiunto prima da questa nuova Xbox che dal PC e non si limiterà al solo aspetto grafico, perchè andrà a ampliare in modi estremamente superiori a quelli di oggi le capacità del motore fisico e le possibilità offerte dall’intelligenza artificiale.

I giochi sandbox come Grand Theft Auto e Saint’s Row, ad esempio, in futuro avranno migliaia di pedoni aventi ognuno una propria IA che gli consentirà di reagire dinamicamente alle sollecitazioni ambientali, non si comporteranno allo stesso modo ma sembreranno vivi, dimostreranno di avere una personalità tutta loro che si adatterà a seconda del contesto.”

Questo vero e proprio balzo generazionale paventato dall’uomo di AMD, pur essendo superiore alle più rosee aspettative degli amanti dei videogiochi, lascia però sottintendere la necessità di dover necessariamente attendere almeno altri due o tre anni prima di poter arrivare alla fase di produzione e, quindi, alla definitiva commercializzazione di Xbox 720 (e di PlayStation 4, se Sony continuerà a seguire la strada dell’avanguardia tecnologica di PS3).

via | Examiner

Sony: "PlayStation 4 non è in arrivo, Wii U non offre nulla che ci possa preoccupare"

pubblicato da David


Jack Tretton, il boss della divisione americana PlayStation, ha parlato del futuro del marchio PlayStation dalle pagine di Forbes, assicurando che non c’è nessuna PlayStation 4 in arrivo e che la nuova competizione di Wii U non lo preoccupa nemmeno un po’.

«PlayStation 3 sta appena cominciando ad avere il suo passo. E tecnologicamente, non penso sia possibile fornire un qualsiasi miglioramento oltre quel che già abbiamo. Abbiamo visto che i concorrenti stanno provare ad aggiungere caratteristiche che sono già presenti in PlayStation 3»

E poi la bordata a Nintendo, che solo due mesi fa aveva già etichettato come “produttore di giocattoli per bambini“:

«Non ho visto nulla nell’annuncio di Nintendo che mi ha fatto dire ‘Oh, faremmo meglio a lavorare su una nuova PlayStation molto presto’. Il nostro atteggiamento è una sorta di ‘benvenuti alla festa’. Se stai cercando di fare un dispositivo di intrattenimento multimediale, se stai cercando di fare videogiochi in alta definizione, noi lo facciamo già dal 2006»

È chiaro che se una PlayStation 4 fosse già in fase di sviluppo (come vogliono alcune indiscrezioni), questo sarebbe uno dei momenti più sbagliati in assoluto per annunciarla. Quindi per il momento non possiamo che fidarci dell’estrema sicurezza di Tretton e augurare lunga vita a PS3.