Quando il nastro adesivo diventa arte videoludica