Metal Gear Solid: Rising – nuove indiscrezioni sulla presenza del multiplayer

Mentre continuano ad impervesare in Rete le supposizioni sulla possibile data d’uscita di Metal Gear Solid: Rising alimentate ulteriormente da GameStop che nel dicembre scorso ne ha fissato la commercializzazione al 3 luglio (anche se adesso indica l’1 novembre 2011), la prossima creatura di Hideo Kojima torna al centro della scena mediatica per le immagini


Mentre continuano ad impervesare in Rete le supposizioni sulla possibile data d’uscita di Metal Gear Solid: Rising alimentate ulteriormente da GameStop che nel dicembre scorso ne ha fissato la commercializzazione al 3 luglio (anche se adesso indica l’1 novembre 2011), la prossima creatura di Hideo Kojima torna al centro della scena mediatica per le immagini pubblicate di fresco dallo studio grafico Angelsign.

Impegnata dai Kojima Productions nella realizzazione dei menù di gioco di Rising, la Angelsign ha infatti diffuso sulle pagine del proprio sito ufficiale le immagini dei menù in versione Alpha del titolo da cui, come potete notare voi stessi nella galleria sottostante e nella foto in apertura d’articolo, è chiaramente visibile la modalità multiplayer.

Speriamo quindi che il buon Kojima batta un colpo e ci spieghi cosa bolle in pentola, tornano magari a mostrarci delle sessioni di gioco inedite riguardanti l’attesissimo Metal Gear Solid: Rising (che siano tratte dalla campagna in singolo o, già che ci siamo, dal multi).

Metal Gear Solid: Rising – immagini del menù principale – versione Alpha

Metal Gear Solid: Rising - immagini del menù principale - versione Alpha
Metal Gear Solid: Rising - immagini del menù principale - versione Alpha
Metal Gear Solid: Rising - immagini del menù principale - versione Alpha
Metal Gear Solid: Rising - immagini del menù principale - versione Alpha

Ti potrebbe interessare
Bodycount: nuove indiscrezioni ed immagini da IGN
First Person Shooter Opinioni Pc

Bodycount: nuove indiscrezioni ed immagini da IGN

Il recente annuncio fatto congiuntamente da Stuart Black e dai ragazzi di Codemasters sullo sviluppo di Bodycount, come è ovvio che sia ha incuriosito non poco i redattori delle testate videoludiche più importanti del settore: ecco quindi che, a distanza di pochi giorni dallo speciale su OXM, il seguito spirituale di Black si è lasciato