John Riccitiello di EA “bacchetta” Nintendo: non supporta le case di sviluppo terze e mantiene troppo alto il prezzo di Wii

Dopo essersela presa con Sony per la sua “svolta tridimensionale” e con le alte sfere di Activision per il loro giudizio a suo dire troppo ottimistico sull’operato di Treyarch nel mantenere a galla la saga di Call of Duty nonostante il pessimo periodo vissuto da Infinity Ward, il presidente ed amministratore delegato di Electronic Arts


Dopo essersela presa con Sony per la sua “svolta tridimensionale” e con le alte sfere di Activision per il loro giudizio a suo dire troppo ottimistico sull’operato di Treyarch nel mantenere a galla la saga di Call of Duty nonostante il pessimo periodo vissuto da Infinity Ward, il presidente ed amministratore delegato di Electronic Arts John Riccitiello si è lasciato andare ai microfoni di IndustryGamers ad una serie di considerazioni sulle ultime mosse compiute da Nintendo:

“Penso che Nintendo, con Wii, abbia raggiunto risultati eccezionali tra il 2007 e il 2008, ma nel 2009 ha avuto un leggero calo di vendite, e nel 2010… ecco, penso che se avessero deciso di abbassarne il prezzo a 99 dollari sarebbe stato meglio, le vendite sarebbero letteralmente esplose. Probabilmente tutto ciò è dipeso anche dalla concorrenza fattagli da Microsoft e Sony nel campo delle periferiche sensibili al movimento. Certo è che se avessero pubblicizzato molto di più i titoli delle case di sviluppo terze, abbattendo al tempo stesso il prezzo della console, le cose per loro sarebbero andate decisamente meglio e Wii avrebbe avuto una nuova vita.

Penso sia una frustrazione per tutte le case di sviluppo terze, quella di dover entrare in un mercato in cui sanno già che i loro prodotti non riceveranno adeguate attenzioni da parte della produttrice della console interessata. Chi sta nella mia stessa situazione, converrà con me nell’affermare che spesso sorgono tensioni tra noi e Nintendo proprio per questo motivo. Che, sia ben chiaro, Nintendo era e rimane una grandissima azienda, è unica al mondo per il modo che ha di elevare al cubo l’amore degli appassionati per i suoi titoli e le sue console. Capisco il loro punto di vista, si alzano la mattina pensando a cosa fare per attirare clienti e vendere i loro prodotti, ma è davvero difficile inserirsi in un contesto simile se non si inizia a guardare agli sviluppatori terzi come ad una risorsa e non come ad una minaccia.”

E voi, cosa ne pensate al riguardo?

Ti potrebbe interessare
SHIFT 2 Unleashed: video-dimostrazione a Laguna Seca
Guida Pc Ps3

SHIFT 2 Unleashed: video-dimostrazione a Laguna Seca

Il pilota professionista del Team Need For Speed Tommy Milner, fresco vincitore della 24 ore di Dubai, sale virtualmente a bordo di una Corvette C6.R GT1 di SHIFT 2 Unleashed per mostrarci in video il tracciato di Laguna Seca, vecchia conoscenza di qualsiasi amante di giochi di corse.Come potrete notare da un nostro articolo del

Unreal Engine 3.0: perché tutti lo vogliono?
Opinioni Varie

Unreal Engine 3.0: perché tutti lo vogliono?

Come abbiamo potuto vedere nei giorni scorsi, molti sono i giganti dell’industria dei videogame che sono già saltati sul carro di Unreal Engine 3. Molti lettori si sono posti una semplice domanda: “perché?”. Ve lo spieghiamo noi.Unreal Engine 3 è un ottimo motore grafico, potente e molto versatile, ma non è quel miracolo di tecnologia

Crackdown: Cose da fare!
Senza categoria

Crackdown: Cose da fare!

Se siete tra coloro che non solo acquisteranno Crackdown, ma ci giocheranno pure (invece di piazzarlo sullo scaffale a prendere polvere fino all’uscita della beta di Halo 3) date un’occhiata a questo video che mostra alcune delle cose interessanti e folli che si possono fare nel gioco. via Kotaku