Square Enix, Yosuke Matsuda promette grandi cambiamenti (e iniziano i licenziamenti)

Yosuke Matsuda

Grandi cambiamenti in casa Square Enix, dopo l'insediamento di Yosuke Matsuda, succeduto a Yoichi Wada, a causa dei disastrosi risultati finanziari della fine dell'anno fiscale in corso. Il nuovo presidente è intenzionato a rivedere tutta la struttura di una software house che in questi anni ha perso colpi, non solo a causa di una crisi che ha messo in ginocchio il mercato mondiale: scelte sbagliate e promesse non mantenute sono soltanto alcuni dei motivi che hanno creato malcontento fra i gamer.

Il cambiamento è un ritorno alle origini?


Durante un recente incontro con gli investitori, Matsuda ha messo in evidenza proprio l'importanza che il cambiamento ha in una situazione del genere (sperando che per "cambiamento" intendesse quella sorta di ritorno alle origini tanto auspicato dai fan di vecchia data):

"Dopo che riceverò l'importante ruolo di presidente, ho intenzione di rivedere tutte le componenti di Square Enix, business e asset, resettando ogni budget. A causa del radicale cambiamento dell'ambiente del settore, rivedrò fondamentalmente cosa funziona e cosa no nella nostra compagnia, per poi ricollocare le nostre risorse su cosa è di successo, ed eliminando cosa non lo è. Prossimamente spiegherò nel dettaglio quale sarà il nostro piano, quindi mi affido alla vostra pazienza. Grazie per il vostro supporto".

Licenziamenti a Los Angeles


Nessun cenno a giochi e non pochi riferimenti a una situazione economico-strutturale: che si tratti di cecità dinanzi a un mercato che chiede interventi di tutt'altro genere? Chissà. Il licenziamento di massa, però, è già iniziato:

"Possiamo confermare che gli uffici di Square Enix Los Angeles [già colpiti dai licenziamenti lo scorso dicembre ndr] hanno licenziato un numero di impiegati come parte della ristrutturazione della compagnia annunciata la scorsa settimana. Si tratta di una spiacevole situazione, e offriremo tutta la nostra assistenza per gli impiegati coinvolti. Vogliamo ringraziarli per il loro lavoro e gli auguriamo sinceramente il meglio per il loro futuro".

Quali saranno le prossime mosse?

Via | Siliconera

  • shares
  • Mail