World of Warcraft: online la patch 3.3 con Icecrown Citadel

La patch 3.3 di World of Warcraft è stata messa online da Blizzard sui server americani del gioco e dovrebbe arrivare anche su quelli europei entro la serata di oggi.Ultimo aggiornamento prima dell’espansione Cataclysm prevista per il 2010, la patch “pesa” 750MB e porta con sé 3 nuovi dungeon da 5 giocatori, più la nuova


La patch 3.3 di World of Warcraft è stata messa online da Blizzard sui server americani del gioco e dovrebbe arrivare anche su quelli europei entro la serata di oggi.

Ultimo aggiornamento prima dell’espansione Cataclysm prevista per il 2010, la patch “pesa” 750MB e porta con sé 3 nuovi dungeon da 5 giocatori, più la nuova istanza da raid (15/20) (10/25) Icecrown Citadel. Tra le novità inoltre un nuovo sistema di tracking delle quest e una migliorata gestione della composizione dei gruppi per i dungeon.

Chi volesse saperne di più può consultare le patch notes di questa versione 3.3.

Via | Kotaku

Ti potrebbe interessare
Alice: Madness Returns – nuovo video
Action Pc Ps3

Alice: Madness Returns – nuovo video

Il possente Brucaliffo e lo stralunato Cappellaio Matto di Madness Returns accolgono di nuovo la bella e letale Alice disegnata dalla matita magica di American James McGee attraverso uno stupendo trailer in computer grafica offertoci dai ragazzi di Spicy Horse per ricordarci che il titolo, nonostante la lunga assenza dai media, è ancora in sviluppo.Il

Dungeon Siege 3 non è in programma
Pc RPG

Dungeon Siege 3 non è in programma

Dopo quello che poteva sembrare un annuncio ufficiale di Dungeon Siege 3, il boss di Gas Powered Games Chris Taylor è tornato di corsa a chiarire le sue stesse parole, fraintese dai più.Secondo Taylor non ci sarebbe ancora nessun piano ufficiale sul gioco, mentre le parole da lui pronunciate erano in risposta alla domanda riguardante

Microsoft banna le console modificate da Xbox Live
Segnalazioni Xbox 360

Microsoft banna le console modificate da Xbox Live

In molti con un pizzico di spavalderia pensavano che non sarebbe mai accaduto, altri si limitavano a sperare che si potesse tirar avanti di questo passo il più a lungo possibile ma oggi, finalmente o per sfortuna (a seconda di quale schieramento facciate parte), il giorno è arrivato. Microsoft ha infatti iniziato a bannare da