Il motore grafico Unity usato per ricreare vere scene del crimine

Una nuova frontiera delle applicazioni socialmente utili per una tecnologia videoludica sta per essere raggiunta: stando all’agenzia di stampa Reuters, la National Science Foundation ha chiesto alla North Carolina State University di utilizzare il motore grafico Unity per creare un “simulatore virtuale di scene del crimine”.Nonostante gli 1,4 milioni di dollari necessari per lo sviluppo


Una nuova frontiera delle applicazioni socialmente utili per una tecnologia videoludica sta per essere raggiunta: stando all’agenzia di stampa Reuters, la National Science Foundation ha chiesto alla North Carolina State University di utilizzare il motore grafico Unity per creare un “simulatore virtuale di scene del crimine”.

Nonostante gli 1,4 milioni di dollari necessari per lo sviluppo della piattaforma, denominata IC-CRIME, il nuovo strumento aiuterà gli investigatori a condividere le informazioni tra i vari dipartimenti e, cosa molto utile in tempo di crisi, alleggerirà sensibilmente la voce del budget relativa agli spostamenti delle autorità inquirenti.

Secondo il professor David Hinks, la killer application dei detective forensi non sarà pronta prima del 2012. Ancora fitto, invece, è il mistero sulle piattaforme di destinazione, sugli Obiettivi/Trofei sbloccabili e, soprattutto, sul tipo di curriculum da inviare agli sviluppatori per far parte dei protagonisti (o meglio, degli antagonisti) di IC-CRIME.

via | Reuters

Ti potrebbe interessare
PES 2012: prime voci sul prossimo capitolo della serie Konami
Pc Ps3 Sport

PES 2012: prime voci sul prossimo capitolo della serie Konami

Come spesso accade, non c’è neanche il tempo di abituarsi a PES 2011 che già si inizia a parlare del suo successore PES 2012, o almeno iniziano già a girare voci sulle nuove funzionalità presenti nella serie calcistica Konami, quest’anno a detta di molti ripresasi dopo alcune edizioni un po’ sbandate.L’indiscrezione arriva da PSM3, dove

Nintendo parla di giochi hardcore, terze parti e DSi
Mercato

Nintendo parla di giochi hardcore, terze parti e DSi

Durante una recente intervista rilasciata a Gamasutra, Denise Kaigler di Nintendo ha parlato di una serie di temi sensibili agli appassionati della società giapponese, tra cui i cosiddetti giochi hardcore, le terze parti e il DSi.La Kaigler sostiene che lo sviluppo di titoli hardcore è importante per tutti: per l’industria dei videogiochi, per Nintendo stessa