DiRT 2 torna a correre in video

Il circo mediatico allestito da Codemasters attorno a DiRT 2 si sposta, e dopo due giorni passati ad ammirare il circuito di Utah Trailblazer è giunto il momento di fare tappa in California, per scaldare i motori dei nostri rombanti quad e farli così sfogare sul tracciato di Baja Landrush. Realizzato con l’ormai celebre motore

Il circo mediatico allestito da Codemasters attorno a DiRT 2 si sposta, e dopo due giorni passati ad ammirare il circuito di Utah Trailblazer è giunto il momento di fare tappa in California, per scaldare i motori dei nostri rombanti quad e farli così sfogare sul tracciato di Baja Landrush.

Realizzato con l’ormai celebre motore grafico EGO Engine, il secondo episodio del simulatore su sterrato dei Codies cercherà di raccogliere la pesantissima eredità del suo predecessore, cercando così di onorare la memoria del glorioso Colin McRae nel modo a lui più gradito, ossia tra curve a gomito senza guardrail e foreste così insidiose da indurre il navigatore a decidere il percorso ideale sfogliando una Bibbia piuttosto che la mappa ufficiale.

Dopo la pausa, il video di gioco di DiRT 2, previsto in uscita l’11 settembre su Nintendo DS e Wii, Xbox 360, PSP e PlayStation 3, mentre gli utenti PC dovranno pazientare almeno fino a dicembre.

DiRT 2: galleria immagini

DiRT 2: nuove immagini
DiRT 2: nuove immagini
DiRT 2: nuove immagini
DiRT 2: nuove immagini

Ti potrebbe interessare
[Gamescom 2012] Liveblog della conferenza Electronic Arts
Senza categoria

[Gamescom 2012] Liveblog della conferenza Electronic Arts

Ci siamo, quasi al fotofinish, pronti per questa ennesima maratona in liveblogging della conferenza che a breve (brevissimo!) EA terrà in quel di Colonia. L’occasione è quella della Gamescom 2012, evento videoludico per eccellenza qui nel Vecchio Continente, e che nell’arco del tempo è riuscito a ritagliarsi uno spazio di rilievo via via crescente. Molte

Ancora su PSP e pornografia
Segnalazioni

Ancora su PSP e pornografia

Ennesimo post sul rapporto tra PSP e l’industria del porno occidentale e orientale. Il bravo Kakihara ha beccato una recensione di un UMD di produzione giapponese (che sembra di ottima fattura – anche migliore degli UMD americani di contenuto non-sessuale) e le schede di due prodotti americani (uno e due). Rimango perplesso sul successo di