Darkripper nel paese dei casual gamer

Ps3

Il vantaggio di avere una bella tonnellata di amici casual gamer è che fai due tre chiacchierate e cambi totalmente prospettiva sulle cose. Non è che il tutto ti faccia cambiare idea, ma almeno ti permette di guardare le questioni spinose da altri punti di vista.


Mi è sono state fatte notare diverse cose, parlando di Ps3.

  • Un numero consistente di persone importò le Ps2 dal Giappone, all'uscita. Se non ricordo male il costo era abbastanza assurdo, una cosa come 800€.

  • Non importa quanto costi Ps3, basta che ci sia una nuova versione di Winning Eleven e che esca il chip per la modifica quasi subito (questa è riportata più o meno letteralmente)

  • Una delle scuse per l'acquisto di Ps3 sarà la presenza del BlueRay, così come una delle scuse per l'acquisto della Ps2 è stata la presenza del DVD. La gente che fa acquisti esagerati tende a cercare giustificazioni alle proprie mosse sconsiderate. Anche io mi sono detto di aver comprato Ps2 perchè non possedevo un lettore DVD, quando in realtà non mi serviva nè l'una nè l'altro.
  • Ho definito all'inizio le persone con cui ho parlato casual gamer. Per la maggiorparte di queste persone, le console sono solo un elettrodomestico che si accende il 99% delle volte per giocare a Winning Eleven (ovviamente in versione piratata).

    Rivoluzioni nel sistema di controllo? complicate funzioni multiplayer? vogliono semplicemente di più: partite di calcio più realistiche, sparatorie più concitate, donne più nude (?), etc. Ok, è deprimente. Ma possiamo fare qualcosa che non sia constatare questo stato delle cose? Io non conosco NESSUNO al di fuori dei lettori e scrittori di questo blog che possieda un Xbox 360. E - a meno di fenomeno iPod - scommetto qualsiasi cosa che a nessuno dei miei amici verrà anche solo in mente di acquistare un Wii.

    Morale della favola: tutti noi che scriviamo di videogame dovremmo un attimo smettere di fare previsioni e metterci un po' comodi. Perchè le cose potrebbero andare diversamente da come ci aspettiamo.

    E probabilmente lo faranno, almeno qui da noi.

    • shares
    • Mail
    33 commenti Aggiorna
    Ordina: