Sul futuro del Blu-Ray

Quella del Blu-Ray è una questione ancora apertissima, le cui possibili risoluzioni suscitano, comunque, differenti stati d’animo a riguardo. Molteplici, infatti, sono gli scenari che potrebbero venire a configurarsi: dal ritrovarci un formato già obsoleto quando e se comincerà ad ingranare come si deve; a poter benedire il suo acquisto nell’arco di poco tempo. Chi



Quella del Blu-Ray è una questione ancora apertissima, le cui possibili risoluzioni suscitano, comunque, differenti stati d’animo a riguardo. Molteplici, infatti, sono gli scenari che potrebbero venire a configurarsi: dal ritrovarci un formato già obsoleto quando e se comincerà ad ingranare come si deve; a poter benedire il suo acquisto nell’arco di poco tempo. Chi lo sa?

Una notizia, però, lascia intravedere qualche incoraggiante spiraglio: pur non essendo arrivata una conferma ufficiale, Video Business dichiara che la Warner Bros. sia intenzionata a spedire ai rivenditori più di un milione di copie de Il Cavaliere Oscuro, uscito a Luglio nelle nostre sale e riscuotendo un meritatissimo successo.

Ciò che ci si chiede, non così a torto, è se Il Cavaliere Oscuro potrà rappresentare per il Blu-Ray quello che Matrix rappresentò per il DVD. Difatti, il film dei fratelli Wachowski fu il primo a vendere più di un milione e mezzo di copie in formato DVD, apportando un più che discreto contributo alla “causa”.

Ora, chiaramente bisogna tener conto di non poche varianti. Tanto per cominciare l’attuale scenario economico purtroppo è ben diverso rispetto al 1999, e in un periodo di ristrettezze forzate il buon vecchio intrattenimento potrebbe giustamente fare spazio a cose più importanti. Senza contare, di conseguenza, che il numero di copie fornite ai venditori non per forza debbano tradursi in vendite effettive.

Finora i migliori sono stati Iron Man (con 500 mila copie) e Transformers, di cui però non conosciamo le stime riguardo la quantità spedita. Sembra inoltre che il rilascio de Il Cavaliere Oscuro, fissato per il 9 Dicembre, stia generando una considerevole attesa (vale decisamente anche per il sottoscritto), elemento che depone assolutamente a favore. D’altra parte l’edizione in Blu-Ray vanterà alcune implementazioni esclusive che ne impreziosiscono ulteriormente il valore.

Tra l’altro, ora come ora, senza voler considerare la PS3 (che ovviamente ci interessa più da vicino), in giro si trovano lettori Blu-Ray anche a 200 euro. Ma come diceva qualcuno: “Chi vivrà vedrà!”

via | Yahoo

Ti potrebbe interessare
Project Gotham Racing: Microsoft rinnova il marchio
Guida Xbox 360

Project Gotham Racing: Microsoft rinnova il marchio

In queste convulse giornate dominate dalle notizie sull’annuncio di PlayStation 4 e sulle indiscrezioni legate alle contromosse che Microsoft dovrebbe prendere di qui a breve con l’ufficializzazione del progetto di “Xbox Next”, i colleghi di Trademarkia hanno deciso di scartabellare tra i faldoni dei marchi registrati negli States per accorgersi, così facendo, che la multinazionale di Redmond ha rinnovato di fresco il marchio di Project Gotham Racing.

DJ Hero: Renegade Edition costerà 200 dollari
Brevi Ps3 Screenshot

DJ Hero: Renegade Edition costerà 200 dollari

Ricordate DJ Hero, il gioco Activision che in America uscirà a 119.99 dollari e che potrebbe arrivare in Europa alla bellezza di 129 euro? I maniaci dello scratch potrebbero essere messi nelle condizioni di spendere molto di più, visto che in pieno rispetto del trand attuale anche questo titolo uscirà con una limited edition per

Audiosurf su iPhone?
IPhone/iPod Touch Pc Puzzle

Audiosurf su iPhone?

Audiosurf potrebbe arrivare su iPhone grazie alle funzioni del nuovo firmware 3.0, che permette ad applicazioni di terze parti di accedere alla libreria musicale. Il creatore Dylan Fitterer ha dichiarato al sito APPera «Wow, lo voglio fare», che non è certo un annuncio ufficiale ma lascia molte speranze.Ricordiamo che Audiosurf è un puzzle a tema

Problemi con l’anti-cheating della Valve
Senza categoria

Problemi con l’anti-cheating della Valve

Real Tech News riporta un caso di ban ingiustificato su Steam, il che contraddice le altisonanti dichiarazioni di Valve sulla presunta ‘perfezione’ del sistema di anti-cheating. E soprattutto, ci insegna che la trasparenza su certe cose è davvero poca, e andrebbe di certo aumentata. [via The[…]