Tim Schafer: "Brutal Legend è nato come gioco multiplayer, e non è per i soli amanti del metal"

Brutal Legend non è pensato per i soli fan della musica Heavy Metal. A rassicurare i videogiocatori che di chitarre distorte e doppie casse non ne vogliono proprio sentir parlare è direttamente Tim Schafer, creatore del gioco e leader dei Double Fine Studios.

«Non è necessario essere fan del metal. Penso che lo humor del gioco, l'azione, gli elementi di strategia, l'arte... è una grandiosa ambientazione per ogni genere di gioco, è un grande mondo di fantasia con cui la gente può divertirsi. Che vi piaccia il metal o no, è un mondo in cui saltare dentro e spassarsela un po'»

Schafer bilancia poi le cose parlando invece di quell'anima metal che potrebbe essere uno stimolo d'interesse in più per gli appassionati: «In Brutal Legend vedrete prendere vita qualsiasi cosa che avete mai visto su una copertina di un album heavy metal [...] inoltre abbiamo tonnellate di brani metal su licenza».

Continua dopo la pausa.

Quando l'intervistatore chiede chiarimenti sul genere d'appartenenza del gioco, la risposta è: «Brutal Legend è essenzialmente un gioco d'azione, ma per lanciare incantesimi è necessario suonare la chitarra, e allora ci sono brevi sezioni in stile rythm game».

Schafer rivela poi che Brutal Legend è nato come gioco esclusivamente multiplayer: «Stiamo lavorando senza sosta a Brutal Legend dal 2005. In principio è nato come gioco multiplayer con il quale ci sfidavamo in ufficio».

Brutal Legend arriverà in Europa il 16 ottobre 2009 su PlayStation 3, Xbox 360. Chi volesse saperne ancora di più può consultare uno dei nostri articoli su Brutal Legend.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: