Banjo Kazooie: Nuts and Bolts – filmati, dettagli e data di uscita

Durante il Microsoft Gamer’s Day è stato finalmente possibile vedere in azione il terzo episodio targato Rare di Banjo Kazooie. Innanzitutto è stato confermato il titolo, ossia Banjo Kazooie: Nuts and Bolts, descrivendone alcuni dettagli tra i quali la possibilità di poter creare vari veicoli[…]

Durante il Microsoft Gamer’s Day è stato finalmente possibile vedere in azione il terzo episodio targato Rare di Banjo Kazooie.

Innanzitutto è stato confermato il titolo, ossia Banjo Kazooie: Nuts and Bolts, descrivendone alcuni dettagli tra i quali la possibilità di poter creare vari veicoli (usufruibili su terreno, aria ed acqua) tra numerosissime combinazioni, è infatti possibile assemblare i 1600 pezzi sparsi per gli stage.

Questi ultimi saranno in totale 6 e faranno parte di Showdown Town, il più grande mondo creato dal team Rare. Per quanto riguarda il multiplayer, sarà possibile personalizzare i veicoli per le sfide in varie modalità di gioco, alcune delle quali mostrate durante l’evento.

Infine è stata annunciata la data di uscita che dovrebbe avvenire esclusivamente per Xbox 360 intorno al mese di Novembre. Di seguito un secondo filmato di Banjo Kazooie: Nuts and Bolts.

[Via Joystiq]

Ti potrebbe interessare
Borderlands: nuovo filmato ricco di sequenze giocate
First Person Shooter Pc Ps3

Borderlands: nuovo filmato ricco di sequenze giocate

Borderlands torna con un filmato costituito da sole sequenze giocate. Sviluppato da Gearbox Software, Borderlands è uno sparatutto in prima persona con forti elementi RPG e una caratteristica grafica in cel-shading. Borderlands verrà commercializzato nel vecchio continente a partire dal prossimo 23 ottobre su PC, PlayStation 3 e Xbox 360. Il filmato dopo la pausa.

Braid è costato 180.000 dollari, Blow piange miseria
Brevi Platform Xbox 360

Braid è costato 180.000 dollari, Blow piange miseria

Johnatan Blow, particolarmente logorroico dopo l’uscita del suo gioco, parla ancora di Braid e delle problematiche finanziare legate alla sua creazione. Nella fattispecie, il tanto osannato platform avrebbe prosciugato Blow di ben 180.000 dollari americani, tutti tirati fuori di tasca sua. E i guadagni non hanno ancora permesso al talentuoso programmatore di tornare in attivo.