Nintendo pronta a cambiare l’online del Wii?

Pare che la piattaforma per il gioco online del bianco scatolotto Nintendo sia pronta a subire qualche cambiamento, non proprio una rivoluzione… direi più un affinamento. Spulciando tra i brevetti registrati in questi giorni infatti si può notare come Nintendo abbia registrato un “Sistema di inviti per giochi online” Vediamo cosa recita il brevetto: “Gli

Pare che la piattaforma per il gioco online del bianco scatolotto Nintendo sia pronta a subire qualche cambiamento, non proprio una rivoluzione… direi più un affinamento.
Spulciando tra i brevetti registrati in questi giorni infatti si può notare come Nintendo abbia registrato un “Sistema di inviti per giochi online”
Vediamo cosa recita il brevetto:
“Gli utenti potranno essere invitat a giocare ad un gioco mentre stanno giocando ad un altro titolo (senza riavviare etc.) Fornendo, tra le altre cose, un server di invito che tiene traccia di tutti gli inviti accettati, gli utenti possono facilmente e, se lo vogliono, automaticamente partecipare al gioco di un altro utente, anche se la console viene spenta e poi riaccesa”
Probabilmente è più facile a dirsi che a farsi e sono più o meno come il sistema Live! ideato da Microsoft… forse con una marcia in più, ma prima di parlare vediamo come verrà messo in pratica.

[via codename revolution]

Ti potrebbe interessare
La nascita dei Lemming
Brevi

La nascita dei Lemming

Per prima cosa chiariamo un punto importante: i Lemming (quelli veri) non si suicidano. Archiviata questa pratica, possiamo serenamente parlare del videogame che ha appassionato molti di noi negli anni 90, linkandovi la storia del gioco raccontata da Mike Daily, tra gli artefici principali del gioco che ha regalato notti insonni a molti di noi.

Un MMORPG Open-Source
MMO Pc Segnalazioni

Un MMORPG Open-Source

Ryzom, MMORPG francese che si segnala per un motore 3d abbastanza buono (e rilasciato sotto licenza GPL), rischia di arrivare alla fine dei suoi giorni a causa del fallimento di Nevrax, la software house realizzatrice. Adesso un gruppo di dipendenti di quest’ultima spera di comprare i diritti del gioco con l’aiuto di utenti e solidali,