Namco Bandai: 630 posti di lavoro tagliati in seguito a pesanti perdite economiche


Chiunque affermi che la crisi economica non colpisca il mondo dei videogiochi non ha ben chiara la situazione. Se è vero, infatti, che si tratta di un settore meno esposto ai problemi legati al periodo, è altrettando vero che capita sempre più spesso di leggere notizie agghiaccianti relative a tagli di posti di lavoro e alla chiusura di determinati studi.

Questa volta è il turno di Namco Bandai, che avendo registrato perdite per 31 miliardi di yen (approssimativamente 343 milioni di dollari), dovrà effettuare pesanti tagli del personale. Si parla di ben 630 posti di lavoro sui 7.000 impiegati dell'azienda, che verranno mandati a casa entro la fine dell'attuale anno fiscale.

Sul fronte videogiochi a causare i danni maggiori sono stati gli scarsi risultati durante la stagione natalizia di Tales of Vesperia (400.000 unità vendute) e di Tekken 6 (400.000 unità vendute).

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: