Aaron Greenberg: "Le case di sviluppo con Wii si sentono combattute, con X360 e Natal sono di famiglia"

Aaron Greenberg: "Le case di sviluppo con Wii si sentono combattute, con X360 e Natal sono di famiglia"

Aaron Greenberg, il direttore della divisione Xbox di Microsoft, nel corso di un'intervista concessa ai redattori di EDGE ha espresso il suo parzialissimo parere sulle opportunità e sul rapporto che le case di sviluppo terze riescono ad avere con la multinazionale di Redmond confrontandone i risultati, seppure in un modo decisamente antisportivo e fastidioso, con quelli che hanno raggiunto con Nintendo attraverso il loro Wii:

"Più del 70% delle case di sviluppo terze sta attualmente lavorando ad uno o più titoli per Project Natal, e questa già di per sè è una cosa sorprendente in quanto si tratta di titoli da destinare ad un prodotto che non è stato ancora commercializzato e che non ha una base installata.

Ci sono un paio di fattori che giocano indiscutibilmente a nostro favore: primo, le persone sanno che siamo principalmente una software house e che proprio per questo possiamo offrire i migliori tool di sviluppo ed il miglior supporto, e secondo, la gente sa che chi compra Xbox 360 tende ad acquistare un sacco di videogiochi. Con noi, le case di sviluppo prosperano.

Guardate cosa sta succedendo con Wii: nonostante le cose vadano benone a Nintendo per il numero di console vendute, le case di sviluppo sono combattute e stanno cercando sempre più di guadagnarsi altrove uno spazio che su Wii gli viene negato. Vogliono sentirsi all'interno di una famiglia, per questo ci seguono e credono a Natal."

E voi, cosa ne pensate al riguardo?

via | CVG

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: