Dragon Age: Inquisition rimosso dal mercato in India per le scene omosessuali

Dragon Age: Inquisition non è più vendibile in India, dove l'omosessualità è un reato.

Dragon Age: Inquisition - galleria immagini

Com'era prevedibile, la presenza di scene omosessuali all'interno di Dragon Age: Inquisition inizia a dare problemi al nuovo titolo sviluppato da BioWare. Nel dettaglio, arriva la decisione in India di rimuovere il gioco dal mercato, sia per via digitale che per quella tradizionale.

Dopo aver permesso finora l'acquisto di Dragon Age: Inquisition, Electronic Arts ha rimosso il gioco di ruolo da Origin, rimborsando eventuali operazioni già effettuate: anche Milestone Interactive, distributore di EA in India, ha confermato la rimozione dal mercato fisico delle copie dell'atteso titolo.

Dragon Age: Inquisition - galleria immagini

Lo stesso distributore ha poi confermato a NDTV Gadgets che la decisione è maturata a causa delle scene omosessuali presenti in Dragon Age: Inquisition, senza ulteriori dettagli. Un fatto piuttosto curioso, considerando che giochi come i capitoli precedenti dello stesso Dragon Age, la serie Mass Effect e The Sims restano ancora acquistabili in India, pur includendo contenuti dello stesso tipo.

In India, l'omosessualità è tornato a essere da dicembre 2013 un reato perseguito dalla legge, punibile anche con il carcere fino a dieci anni di reclusione.

Via | Ign.com

  • shares
  • Mail