Reflections arriverà anche su PS4 e Xbox One: nuove immagini in salsa Unity 5

La nuova avventura sandbox di Tristan Moore si mostra in una serie di screenshot inediti

Gli studi Broken Window di Tristan Moore tornano a specchiarsi nella bizzarra dimensione di Reflections per fissare su pellicola fotografica (metaforicamente parlando) alcuni degli scenari che andremo esplorando nel loro prossimo sandbox adventure in forma episodica per PC, Linux, Mac OS e, come scopriamo quest'oggi, PlayStation 4 e Xbox One.

Il passaggio ai nuovi tool di sviluppo di Unity 5 consentirà al team di Moore di volgere il loro sguardo in direzione delle console casalinghe e ampliare gli orizzonti digitali del progetto attraverso l'adozione di un sistema di illuminazione più realistico e di una serie di effetti volumetrici e particellari di ultima generazione, così come testimoniato dalle ultime immagini realizzate dai Broken Window Studios.

Guarda le ultime immagini di gioco di Reflections

Reflections: galleria immagini

Grazie alla nuova versione dell'engine di Unity, e all'esperienza maturata in questi anni con il curioso esperimento horror di Grave ispirato alle opere surrealiste di Savador Dali, Tristan Moore e i suoi ragazzi possono così concentrarsi sugli elementi che caratterizzeranno il sistema di gioco della loro prossima avventura a mondo aperto che promette di trasporre la vita di tutti i giorni in una dimensione virtuale ambientata tra le villette a schiera e i boschetti della placida periferia di una grande metropoli americana.

Le azioni che compiremo nel microcosmo di Reflections avranno un'influenza diretta e immediata sugli eventi della trama (che avrà un canovaccio libero e con molteplici bivi narrativi da sbloccare in completa autonomia) e persino sullo scenario attraverso l'aggiunta di colori per gli elementi con cui il nostro alter-ego entrerà in contatto (sia fisicamente che emotivamente).

Il lancio di Reflections (o meglio, del suo primo prototipo giocabile in Early Access) è previsto in aprile su PC, Mac OS e Linux: per la definitiva commercializzazione su PlayStation 4 e Xbox One, ovviamente, occorrerà attendere almeno sino alla fine dell'anno, e forse anche oltre, a giudicare dalla volontà espressa a più riprese dallo stesso Tristan Moore di rendere compatibile il titolo con Oculus Rift e con i principali visori per la realtà virtuale che vedranno la luce da qui alla prima metà del 2016.

  • shares
  • Mail