Red Orchestra 2: Tripwire giustifica il reset delle statistiche avvenuto con la recente patch


Red Orchestra 2: Heroes Of Stalingrad è un FPS molto considerato fra i giocatori PC, ma che al tempo stesso è stato bersaglio di numerose critiche a causa delle prestazioni non esaltanti anche su sistemi ben equipaggiati e vari glitch che permettevano ai giocatori di aumentare abilità e sbloccare obiettivi molto più velocemente del normale.

La software house Tripwire ha deciso che con la recente patch per risolvere i problemi appena descritti era necessario resettare tutto il sistema di statistiche globali, azzerando di fatto ogni progresso che i giocatori hanno maturato dall'uscita del gioco, avvenuta lo scorso settembre. Una sorta di "medicina amara" che ha costretto tutti a ripartire dall'inizio. Dalle pagine di Gamasutra, il presidente di Tripwire Alan Wilson spiega:

«Fondamentalmente il sistema stava registrando più punti di quelli che un giocatore accumulava, "rubandoli" da giocatori su altri server, quindi i giocatori si "pompavano" artificialmente. Una volta che sono arrivati migliaia di giocatori, il problema è diventato veramente ovvio, e invece di accadere lentamente è esploso improvvisamente e in modo molto veloce. [...] Avevamo gente con statistiche irrealistiche. Per esempio, senza nemmeno accorgermi io sono arrivato dal livello 30 al livello 83. Alcune persone che hanno speso molto tempo nel gioco dal giorno di lancio sono irritate, ma per la maggior parte della gente è stato un sollievo, un segno che stiamo mettendo a posto ciò che non va!»

Qualcuno dei nostri lettori è stato "vittima" di questo reset delle statistiche? Diteci la vostra nei commenti.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: