GDC 07: il marketing dietro al trailer di Gears of War


Chi non si ricorda il bellissimo spot televisivo di Gears of War accompagnato da "Mad World", canzone dei Tears for Fears cantata da Gary Jules? Un filmato che anche in Italia ha colpito numerose persone lasciato un ottimo ricordo di se, grazie alla contrapposizione tra scene di battaglia e una musica lenta e malinconica, nonché a un eccezionale armonia fra parole e
immagini.

Al GDC 07 Tim Dean, direttore artistico degli Studio ZR e mente pensante dietro al trailer, ha parlato a lungo di questo fenomeno, riconosciuto ormai come uno dei filmati più belli degli ultimi anni.
«Volevamo che il filmato fosse fortemente emozionale. Un vero confronto tra immagini e musica. La gente avrebbe dovuto guardarlo e pensare: è un film? E' il trailer di un video game? Cos'è?».

Il primo dei tre obiettivi principali dietro a questo lavoro era riuscire a raggiungere un pubblico più vasto, non solo di giocatori. «Mad World è stato un grande passo, ma abbiamo ancora una lunga strada da percorrere - ha aggiunto Dean - perché allo stato attuale stiamo cercando di vendere giochi sempre agli stessi 25 milioni di persone, ma dovremmo catturare fette di pubblico tutte nuove, come la gente che guarda Lost (??? NdDavid)».

Il secondo obiettivo è provare a suscitare emozioni. Continua Dean: «iPod è un grande esempio. Ci sono ovviamente un sacco di lettori musicali la fuori, ma il marketing dietro iPod è tutto incentrato sullo stile di vita».

Il terzo è ultimo obiettivo è imparare a prendersi dei rischi. Alcuni dipendenti Epic hanno rivelato che Microsoft si era inizialmente opposta con una certa fermezza a uno spot TV del genere, premendo per qualcosa di più tradizionale, ma alla fine ha vinto la passione di Dean.

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: