Sony e il video sulla masturbazione rimosso da YouTube: pessima figura per l’azienda giapponese

Il video sessista è stato rimosso da Sony poco dopo la sua pubblicazione, ma questo non è ovviamente servito a farlo sparire. La polemica è servita.

Pessima figuraccia in casa Sony dopo la pubblicazione – e la rimozione pressoché immediata – dell’ultimo spot televisivo per promuovere la possibilità di giocare i titoli per PlayStation 4 sulla console portatile PS Vita con Remote Play. Uno spot pesantemente sessista, di poco meno di un minuto, che vede un’ammiccante dottoressa rivolgersi allo spettatore – noi – e fare domande come:

L’avete già fatto oggi? Scommetto che vi è piaciuto. Quante volte l’avete fatto ieri? Temete di farlo troppo spesso? Lo fate anche in camera, sotto le coperte?

Sì, la giovane provocatrice sta parlando del giocare ai videogiochi, ma questo è chiaro solo alle battute finali, quando tra un ammiccamento e l’altro viene mostrata la console portatile PlayStation Vita. Il parallelismo tra videogiochi e masturbazione è palese, il sessismo trasuda da ogni fotogramma e forse è proprio per questo che Sony si è affrettata a rimuovere il video dal canale ufficiale europeo su YouTube.

Sony non è nuova a cadute di stile come questa e ammesso che per un attimo abbia dimenticato – ancora una volta – quanto è vario il mondo dei videogiocatori e, soprattutto, in quale periodo stiamo vivendo, la domanda sorge spontanea: cosa sperava di ottenere? La funzione Remote Play di PlayStation 4 si promuove benissimo da sola senza il bisogno di una ragazza sexy e ammiccante che si lecca le labbra in favore della telecamera.

Il dibattito sui videogiochi è sempre aperto e di recente il Mondo sembra essersi finalmente accorto che i videogiocatori non sono soltanto adolescenti con l’ormone impazzito, ma un pubblico variegato al pari di quello cinematografico. Video come questi non fanno che rafforzare un’idea vecchia e stantia con cui per anni ogni videogiocatore, nel proprio piccolo, si è scontrato.

La rimozione del video è servita a ben poco. Internet non persone e adesso quel minuto di puro imbarazzo sta rimbalzando da una parte all’altra su YouTube e non solo. Sony, al momento, non ha rilasciato alcuna comunicazione, né lo ha fatto l’agenzia belga TBWA che ha realizzato lo spot, ma la polemica sta cominciando a montare e a breve, volente o nolente, l’azienda giapponese dovrà rispondere.

Via | The Verge

Ti potrebbe interessare
Suda 51 si dice interessato all’idea di fare un gioco simile a Killer 7
Varie

Suda 51 si dice interessato all’idea di fare un gioco simile a Killer 7

Goichi Suda, una delle menti più apprezzate in ambito videoludico, ha avuto modo di esprimersi circa il proprio futuro. Uno dei suoi più particolari titoli è stato indubbiamente Killer 7, gioco che non ha affatto stentato a rientrare nel gruppo dei cosiddetti “titoli di nicchia”. Ecco quanto ha dichiarato Suda in merito alla possibilità di

XNA Developer Dream-Build-Play: vince il primo premio Dust: An Elysian Tail
Action Platform RPG

XNA Developer Dream-Build-Play: vince il primo premio Dust: An Elysian Tail

L’edizione di quest’anno dell’XNA Developer Dream-Build-Play è stata vinta dallo sviluppatore Dean Dodrill con il suo Dust: An Elysian Tail, di cui potete vedere diverse immagini nella galleria dopo il salto. Per essersi piazzato primo nel difficile contest, il professionista in questione è stato ricompensato con la bellezza di 40.000 dollari, oltre all’ovvia pubblicazione del

Brutal Legend in nuove immagini molto molto Rock
Action Ps3 Screenshot

Brutal Legend in nuove immagini molto molto Rock

Nelle nuove immagini di Brutal Legend diffuse da Double Fine possiamo facilmente individuare un altro mostro sacro della storia del Rock: Rob Halford dei Judas Priest, che interpreta il Generale Lionwhyte. Già da tempo era stato svelato, oltre l’attore musicista Jack Black che interpreta il protagonista Eddie Riggs, anche Lemmy Kilmister dei Motörhead nei panni