Valve sta progettando un "computer da indossare"


Poche ore fa lo sviluppatore Michael Abrash ha rivelato rivela che il misterioso progetto per il quale Valve sta reclutando ingegneri non è una sorta di console casalinga, bensì un computer "da indossare". Ispirato da Snow Crash, un romanzo di Neal Stephenson, Abrash si è incaricato di ridurre le dimensioni di un computer al punto di poterlo portare sempre con sé.

«Il logico punto di arrivo è avere un computer con sé ovunque, in ogni momento. Si tratta di computer da indossare, e non ho alcun dubbio che entro 20 anni sarà uno standard, probabilmente attraverso occhiali o lenti a contatto, ma per quel che so io anche attraverso un qualche tipo di connessione neurale diretta. E sono piuttosto convinto che il cambio di piattaforma avverrà molto prima che fra 20 anni, quasi di certo entro 10 anni, ma è possibile anche entro 5 anni, perché gli aspetti chiave come input, potenza/dimensioni del processore, e output - quelli che hanno bisogno di evolvere - stanno tutti prendendo forma molto bene, sebbene ci sia ancora molto da capire»

Abrash precisa poi che il progetto di Valve si trova ancora in uno stadio di ricerca e sviluppo piuttosto acerbo, e invita tutti a non farsi prendere dall'entusiasmo e cominciare a diffondere voci su fantomatici "occhiali computerizzati di Valve che verranno presentati al prossimo E3".

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: