Super Mario Bros. compie 30 anni: Google fa gli auguri con un easter egg

Ieri, domenica 13 settembre 2015, Super Mario Bros. ha ufficialmente spento le 30 candeline: lo storico titolo firmato da Shigeru Miyamoto vide la luce il 13 settembre 1985 per NES (Famicom in Giappone) come una sorta di sequel di Mario Bros, uscito un paio di anni prima.

Il successo di Super Mario Bros. pressoché immediato: nell’arco di una manciata di anni il titolo sbarcò in tutto il Mondo - nel 1987 in Europa, Nordamerica e Australia - e nel corso degli anni successivi conquistò anche il Game Boy Color (1999-2000) e Game Boy Advance (2004) per poi arrivare, sempre con enorme successo, su Wii nel 2006 e Nintendo 3DS nel 2011.

Ad oggi Super Mario Bros. è ancora ben presente nell’immaginario di milioni di giocatori in tutto il Mondo tra diverse generazioni. Non è un caso, quindi, che questo 30esimo anniversario sia particolarmente sentito, al punto che anche Google ha deciso di rendere omaggio a questa speciale occasione con un delizioso easter ego nascosto - ma nemmeno troppo - nel box che compare nella pagina dei risultati quando si cerca Super Mario Bros.

Lì, insieme alle informazioni base sul titolo, troverete l’ormai iconico box lampeggiante col punto interrogativo: vi basterà cliccarci sopra per raccogliere punti e sentire il suono di conquista di una vita extra quando supererete le 100 monete raccolte!

super-mario-bros-google.jpg

  • shares
  • Mail