Ad Infinitum: trincee e fantasmi nelle nuove immagini di gioco

I ragazzi di StrixLab ci mostrano alcune delle ambientazioni che caratterizzeranno il loro prossimo survival horror ambientato durante la Prima Guerra Mondiale

Gli autori tedeschi di StrixLab si scusano con tutti coloro che aspettavano di vederli a Los Angeles in occasione del recente E3 attraverso la pubblicazione di nuove immagini di gioco di Ad Infinitum, il survival horror in soggettiva ambientato durante la Prima Guerra Mondiale (proprio come Battlefield 1) a cui stanno lavorando da due anni con l'ausilio dell'Unreal Engine 4 e degli ultimi tool di sviluppo pensati per i visori VR come Oculus Rift e HTC Vive.

Pur condividendo il medesimo periodo storico del nuovo sparatutto di EA DICE, Ad Infinitum intratterrà gli utenti in modi ben diversi: lo scopo degli autori tedeschi è infatti quello di farci vivere un vero e proprio incubo ad occhi aperti calandoci nei panni di uno sfortunato soldato di fanteria costretto a correre come un ossesso per sfuggire alle grinfie di una spaventosa creatura antropomorfa intenzionata a cibarsi del suo cervello.

Dal punto di vista delle meccaniche di gioco spicciole, l'esperienza di Ad Infinitum non si baserà solo sulla spasmodica ricerca della via di fuga più veloce ma trarrà spunto dagli ultimi puzzle-adventure in soggettiva (come The Witness) per offrirci degli enigmi ambientali studiati ad arte per alimentare ulteriormente il senso di angoscia dell'utente e la sensazione di essere inseguiti da un'entità incorporea tanto subdola da spingerci in trappola e indurci in errore.

Il percorso di sviluppo intrapreso dagli StrixLab, però, prevede ancora diversi passaggi che permetteranno ai suoi ideatori di migliorare la componente grafica, mettere a punto gli ultimi puzzle e rendere compatibile il loro titolo per i principali visori VR in circolazione giusto in tempo per il lancio di Ad Infinitum, previsto in maniera indicativa per la fine di quest'anno in esclusiva su PC.

  • shares
  • Mail