PlayStation 4 sold out in tutto il Giappone: preordini alle stelle e rifornimenti tardivi

PlayStation 4 introvabile in Giappone: la console è andata completamente esaurita e i rifornimenti sono davvero scarsi

Buoni risultati per PlayStation 4: la console è riuscita a conquistare anche il Giappone, e non avevamo dubbi, visto che l’isola ha sempre riservato grande accoglienza ai prodotti Sony (anche PlayStation Vita ha fatto registrare delle buone performance rispetto a tutto il resto dei mercati nel mondo). Oggi non abbiamo i dati precisi, però parecchi direttori commerciali hanno confermato che nei loro centri PS4 è andata completamente esaurita.

A parlare sono stati i responsabili di colossi aziendali quali Yodobashi Camera, Bic Camera, Sofmap, Rakuten e Amazon Japan: per chi non lo sapesse, parliamo di produttori sempre ben forniti, e basta soffermarsi anche solo sull’ultimo nome per avere le idee ancora più chiare (se persino Amazon, in effetti, non riesce a spedire, vuol dire che o i preordini sono stati tantissimi o che il rifornimento è stato poco).

La situazione non fa piacere a nessuno: se è vero che le vendite sono elevate, è altrettanto vero che Sony ha calcolato male le scorte, fissando, tra l’altro, l’arrivo di nuove PlayStation 4 per il 5 marzo (e il sold out non è stato registrato mica oggi, data in cui abbiamo semplicemente appreso della notizia).

Console introvabile e pochi rifornimenti

Anche Shunichi Kobayashi, direttore commerciale della catena Trader di Akihabara, si è detto infastidito per la console introvabile e i rifornimenti non sempre puntuale; il suo consiglio? Comprarla appena possibile, se la si vuole usare subito (anche se non capiamo il motivo di tutta questa fretta, considerando che PS4 non ha ancora un bel parco-titoli).

Via | Dual Shockers

Ti potrebbe interessare
Tom Clancy’s H.A.W.X. usa un satellite da 100 milioni di dollari
Pc Ps3 Simulatore

Tom Clancy’s H.A.W.X. usa un satellite da 100 milioni di dollari

Sapevamo già che Tom Clancy’s H.A.W.X. utilizza immagini satellitari per la riproduzione dei livelli di gioco, a non essere noti erano invece le capacità di tale satellite, marchingengo da ben 100 milioni di dollari.La tecnologia è infatti quella di GeoEye, la stessa azienda di Washington che fornisce materiale a Google Earth ed altri servizi simili.