Retrocompatibilità Xbox One: Microsoft mette in guardia contro un falso

Dopo l’attivazione del devkit, Microsoft fronteggia quella per la retrocompatibilità di Xbox One verso Xbox 360. L’azienda di Redmond avvisa i giocatori.

Per arrivare al punto da far smuovere Microsoft e Major Nelson, la nuova minaccia per Xbox One deve essere stata veramente importante. L’azienda di Redmond si è infatti attivata per mettere in guardia i possessori della sua nuova console, da quello che sarebbe un falso procedimento per attivare la retrocompatibilità con Xbox 360 e quindi la fantomatica possibilità di eseguire i giochi del dispositivo precedente su quello uscito il 22 novembre scorso.

Il fake arriva in seguito a un altro procedimento mostrato negli ultimi giorni, all’interno del quale veniva promesso di attivare il devkit di Xbox One: anche a proposito di questo, Microsoft aveva prontamente messo in guardia, ma con il fianco scoperto è davvero difficile difendersi su Internet.

Tornando all’immagine circolata in queste ore, secondo Microsoft i passi elencati non farebbero altro che rendere inutile Xbox One, mettendola in uno stato di riavvio continuo che richiederebbe solo l’intervento dell’assistenza per essere sistemato. Anche Major Nelson, come dicevamo, si è attivato via Twitter per avvisare i giocatori, rimarcando i rischi che si corrono nell’eseguire l’operazione:

Come si suol dire in questi casi, uomo avvisato, mezzo salvato. Anche se a questo punto crediamo che Microsoft debba prendere provvedimenti in maniera attiva, rimuovendo le opzioni in questione che di fatto nulla servono a chi deve fare un normale uso di Xbox One.

Via | Theverge.com

Ti potrebbe interessare
Un Warcraft che non ti aspetti
Brevi Varie

Un Warcraft che non ti aspetti

Per la rubrica “forse non tutti sanno che” sappiate che la saga di Warcraft avrebbe potuto prendere una piega molto, molto diversa…Bill Roper infatti ha raccontato di come, dopo il primo Warcraft, alla Blizzard fosse balenata in testa l’idea di ambientare Warcraft II nel mondo di oggi grazie ad un portale che avrebbe permesso agli