Don't Starve Beta: un survival open world in salsa gotica, tra Tim Burton e Minecraft

Don\\\'t Starve Beta - galleria immagini
Se siete rimasti affascinati da Minecraft e apprezzate i giochi indie che focalizzano più sul gameplay che sulla grafica, probabilmente troverete nel nuovo Don't Starve di Klei Entertainment (i ragazzi di Shank 2) elementi interessanti per qualche ora di sana esplorazione.

Il gioco nasce sull'onda del fenomeno indie di Notch e riprende gli elementi principali di sopravvivenza in un mondo aperto, con cicli notte-giorno, la raccolta degli oggetti e il "crafting" di armi, utensili e quant'altro. Ma lo fa in chiave originale proponendo una grafica con visuale dall'alto che unisce elementi 2d animati a un mondo tridimensionale.

Il tema portante è uno strano mix di scienza e magia, caratterizzato da uno stile gotico fumettoso che rimanda un po' a certi lavori di Tim Burton. L'atmosfera è autunnale e cupa, e lo diventa ancor di più col calare della notte, che è meglio affrontare armati di torcia, spada e con un rifugio pronto per evitare spiacevoli incontri. Continua dopo la pausa.

Don't Starve è attualmente giocabile nella forma di una demo limitata su PC, ma gli sviluppatori hanno da poco iniziato una fase di pre-beta a pagamento. La demo richiede Chrome, e si presenta come un'app dedicata scaricabile da questa pagina del Chrome Web Store.

La fase di pre-beta ha un costo di 6,99$ (5,5€) e permette l'accesso a due copie del gioco, che avrà un costo finale di 15$ su Steam. Don't Starve adotterà la stessa strategia di aggiornamenti costanti di Minecraft, contribuendo a una crescia graduale e costante nel tempo degli elementi di gioco. Vi lasciamo a una serie di immagini di gioco e al trailer ufficiale.

Don\\\'t Starve Beta - galleria immagini

  • shares
  • Mail