Google Play Games: previsti matchmaking e obiettivi sbloccabili

Android Police ha messo le mani in anteprima sull’ultimo aggiornamento di Google Play Services, scoprendo molte funzionalità interessanti

Google Play Games è la futura piattaforma con la quale Android risponderà a Game Center di App per iOS. Nelle scorse ore sono trapelate in rete alcune informazioni piuttosto prevedibili ma comunque inedite. Il sito Android Police è infatti entrato in possesso del pacchetto Google Play Services v3.1.36 ancora non disponibile per il pubblico, potendo dare un’occhiata approfondita alle funzionalità che verranno implementate.

Il servizio offrirà lobby e strumenti di matchmaking e inviti per organizzare partite multiplayer, nonché chat in-game, salvataggi dei giochi su cloud, obiettivi sbloccabili in puro stile PlayStation 3/Xbox 360 e classifiche online mondiali. Tutte queste funzioni non verranno imposto ad alcuno sviluppatore, che sarà libero di integrarle o meno nei propri giochi.

Insomma, un vero e proprio aggiornamento “major” che punta a fare di Google Play Games una piattaforma assolutamente al passo con i tempi e dotata di tutte quelle caratteristiche che sembrano ormai imprescindibili su ogni prodotto del genere. Sembra che Google Play Games sarà presentata ufficialmente durante la prossima settimana al Google I/O di San Francisco.

Ti potrebbe interessare
Capcom: “In futuro svilupperemo più su X360 e PS3 che su Wii”
Opinioni Ps3 Xbox 360

Capcom: “In futuro svilupperemo più su X360 e PS3 che su Wii”

Antoine Seux, direttore generale di Capcom Francia (l’uomo fuoricampo che le tre ragazze a sinistra nell’immagine in apertura d’articolo indicano con la loro dolce manina… forse), ha approfittato di un’intervista concessa ai microfoni di GameKult per fare un paio di importanti considerazioni sul passato, sul presente e, soprattutto, sul futuro della sua compagnia: “Quello che

Il rating per i giochi indipendenti
Brevi Segnalazioni

Il rating per i giochi indipendenti

Il rating dei videogiochi (ovvero l’età consigliata per giocarli) costa. L’ESRB (il rating americano) e il PEGI (il rating europeo) hanno costi eccessivi che in sostanza tagliano fuori gli sviluppatori indipendenti. E’ venuta quindi l’idea di realizzare un sistema gratuito di autoregolamentazione utilizzabile da tutti, il TIGRS (The Indipendent Gaming Rating System). Ripeto, autoregolamentazione. Quindi