Nintendo Wii U, per il rilancio della console Satoru Iwata pensa al mobile

Come rilanciare Nintendo Wii U? Semplice: creare un rapporto più stretto con il settore mobile. Satoru Iwata ne sarebbe convinto

Nintendo Wii U continua a far parlare di sé, anche questa volta per pettegolezzi piuttosto strani (ma non inverosimili): per rilanciare la console, pensate, Satoru Iwata sarebbe intenzionato a creare un rapporto sempre più stretto con gli sviluppatori di applicazioni per smartphone; attraverso queste app, che potranno comunicare facilmente con la piattaforma, Iwata intende aumentare il pubblico di casual gamer, senza deludere, ovviamente, i fan più appassionati.

Per questi ultimi, infatti, sono in arrivo delle grandi novità: Nintendo ha in serbo – come sapete – moltissimi giochi per la seconda parte del 2013 e intende realizzare una grossa campagna pubblicitaria dopo l’update primaverile. Anche se i dati di vendita, insomma, non hanno fatto registrare il tanto sperato successo – soprattutto per via di una strategia di marketing incapace di spiegare tutte le potenzialità del GamePad -, la grande N non si è data per vinta e sta facendo il possibile per risollevarsi.

Già distribuito un software di conversione

L’indiscrezione secondo la quale ai giochi first party si affiancheranno non poche applicazioni mobile viene da Japan Times, quindi da una fonte piuttosto attendibile; la redazione si è detta persino sicura del fatto che la compagnia abbia distribuito un programma che dovrebbe rendere semplice la conversione tra i due formati; tutto, insomma, è pronto e sembra promettere grosse novità.

Riuscirà Big N ad avere la meglio sulla concorrenza?

Ti potrebbe interessare
The Chronicles of Spellborn
MMO Pc Screenshot

The Chronicles of Spellborn

Arrivano le prime immagini di The Chronicles of Spellborn, un nuovo MMORPG in lavorazione presso gli studi della Spellborn International e che ha già suscitato qualche interesse per la scelta di usare l’Unreal Engine. Il gioco ci mette nei panni di un avventuriero in un mondo fantasy post apocalittico dall’atmosfera cupa. Non si molto altro,