Per l’FBI i videogiochi non sono causa di violenza

Un profiler dell’FBI parla del suo lavoro, in particolare collegando l’uso di videogiochi a condotte violente: per una volta fuori dal coro.

Per chi all’interno dell’FBI fa il lavoro di profiler, vale a dire di stilare i profili delle persone indagate dal Bureau, i videogiochi non sono causa di violenza. La notizia, per una volta fuori dal coro, arriva da un ex profiler intervistato dalla CBS nel programma Face the Nation.

L’interesse delle persone per i videogiochi sarebbe tuttavia inserito nei profili per capire se una persona è a rischio di comportamenti violendi, ma in modo diverso rispetto a quanto si potrebbe credere: secondo Mary Ellen O’Toole infatti, l’FBI vede i giochi violenti come un modo per accrescere un’idea già presente nella mente di una persona, e non quindi come mezzo per far nascere tale idea:

“Non li vediamo come la causa della violenza. Li vediamo come una sorgente per alimentare un’idea che sia già lì.”

Una differenza più importante di quanto possa sembrare, raccolta da Christopher Ferguson, professore di psicologia alla Texas A&M International che da tempo difende i videogiochi contro chi li accusa di essere la causa della violenza, schierandosi nel dettaglio contro il “panico morale” che trova il capro espiatorio nei nuovi media per i problemi della società.

Secondo Ferguson inoltre, i crimini violenti tra i giovani avrebbero raggiunto il loro minimo in 40 anni, nonostante la presenza sempre più massiccia dei videogiochi sul mercato: due statistiche in controtendenza, volendo stare a sentire chi punta il dito contro i videogiochi.

Ecco le parole del professore:

“Siamo in una modalità in cui ci si preoccupa o si va nel panico per questo tipo di media. Le cose non vanno nell’ordine giusto, abbiamo visto alcune persone partire con una conclusione per poi tentare di mettere insieme dati in modo selettivo per cercare di confortare quella conclusione.”

Obiettivo centrato, Ferguson, obiettivo centrato.

Via | Kotaku.com

Ti potrebbe interessare
God of War III: possibile arrivo a inizio 2010?
Action Ps3

God of War III: possibile arrivo a inizio 2010?

Secondo quanto riportato da v4vg.com, God of War III potrebbe arrivare nel primo quarto del 2010, smentendo così tutte le voci e le supposizioni che vorrebbero il gioco entro l’anno appena iniziato. La solita fonte anonima ben informata interna ai Santa Monica Studios avrebbe inoltre rivelato il grado di avanzamento dello sviluppo del gioco: attualmente

Xbox Experience: in arrivo abbigliamento da neve per gli Avatar
Brevi Xbox 360

Xbox Experience: in arrivo abbigliamento da neve per gli Avatar

Con l’arrivo del freddo ecco che anche gli Avatar della nuova dashboard di Xbox 360 si adeguano: un set di abbigliamento da neve sta per essere aggiunto al guardaroba virtuale di Microsoft. Come testimonia la foto che accompagna l’articolo, infatti, i nostri piccolo alter ego digitali potranno presto (forse anche nelle prossime ore) godere di

[Aggiornato] Ghostbusters: The Videogame cancellato da Activision?
Action Adventure Pc

[Aggiornato] Ghostbusters: The Videogame cancellato da Activision?

Activision Blizzard ha tenuto il proprio evento parallelo all’E3 senza menzionare diversi titoli provenienti dal lato Vivendi dell’azienda, come Ghostbusters, 50 Cent: Blood on the Sand e Brutal Legend, il che lascia pensare a una possibile cancellazione dei suddetti. Se di sicuro nessuno piangerà per 50 Cent: Blood on the Sand, dispiace un po’ vedere