Microsoft chiude gli studi XNA

Microsoft chiude gli studi XNA, preoccupati gli sviluppatori indie.

Microsoft ha annunciato tramite una mail aziendale interna che gli studi di sviluppo XNA Game Studio è stato ufficialmente chiuso. A conseguenza di ciò, i tool di sviluppo XNA verranno ritirati a partire dal 1 aprile 2014. La notizia era già nell’aria da tempo, e chiunque fosse coinvolto nel progetto sapeva già che prima o poi la spina sarebbe stata staccata.

Molti si sono subito allarmati pensando che ciò significhi necessariamente la fine dello sviluppo di giochi Indie su Xbox 360, e quindi la chiusura di Xbox Live Indie Games, ma un portavoce di Microsoft ha smentito nettamente, assicurando che, seppur non verranno effettuati aggiornamenti, il toolset rimarrà disponibile per chi volesse.

«XNA Game Studio rimane una collezione di strumenti per sviluppare giochi su Xbox 360, Windows e Windows Phone. Molti sviluppatori hanno trovato un successo finanziario creando giochi su Xbox Live Indie Games con XNA. Tuttavia, non ci sono piani per future versioni del prodotto XNA»

Chi volesse imboccare una via alternativa può rivolgersi a MonoGame, un’implementazione open source del software che aiuta gli sviluppatori a fare il porting dei propri giochi su diverse piattaforme. Uno dei giochi più famosi ad aver usufruito di MonoGame è Skulls of the Shogun.

via | Polygon

Ti potrebbe interessare
Deus Ex: Human Revolution – nuove immagini
First Person Shooter Pc Ps3

Deus Ex: Human Revolution – nuove immagini

Torniamo con immenso piacere ad occuparci di Deus Ex: Human Revolution e lo facciamo rimpinguandone la galleria multimediale con delle nuove immagini dateci quest’oggi in pasto da Eidos Montreal. Il 2027 narrato dai talentuosi sviluppatori canadesi vede la civiltà occidentale e le fiorenti superpotenze orientali sull’orlo del collasso sociale, dovuto in larga parte alla tremenda

Microsoft brevetta un sistema di censura vocale per Xbox Live
Online Xbox 360

Microsoft brevetta un sistema di censura vocale per Xbox Live

Quando, nel 2002, Microsoft ha dato forma alla componente online della sua prima Xbox, chiamandola Xbox Live, ha cominciato a pensare ad una tecnologia in grado di mascherare le frasi offensive che sarebbero inevitabilmente passate attraverso i suoi server: quelle idee, adesso, sono diventate un brevetto. Nel brevetto in questione, che potete trovare qui, si