Il creatore di DayZ: The War Z mi ha fatto arrabbiare

Finalmente Dean Hall, creatore del mai troppo lodato DayZ, si è sbilanciato a proposito di un gioco “rivale” che ha saputo sfruttare l’onda lunga scaturita dall’entusiasmo per il MMO-Survival Horror made in Bohemia Interactive. Non è un mistero il tempismo sospetto e la nascita improvvisa di The War Z abbia stuzzicato le menti dei maligni…



Finalmente Dean Hall, creatore del mai troppo lodato DayZ, si è sbilanciato a proposito di un gioco “rivale” che ha saputo sfruttare l’onda lunga scaturita dall’entusiasmo per il MMO-Survival Horror made in Bohemia Interactive. Non è un mistero il tempismo sospetto e la nascita improvvisa di The War Z abbia stuzzicato le menti dei maligni… e a pensar male di solito ci si azzecca, soprattutto alla luce del mezzo disastro combinato dagli sviluppatori Hammerpoint, primi a fregiarsi del dubbio onore di aver visto un gioco ritirato da Steam.
Dopo la pausa le dure parole di “Rocket” Hall.

Ecco cosa ne pensa il game designer Neozelandese:

Sono arrabbiato per The War Z. Sono molto arrabbiato. Sono contrariato perché chiunque può vedere come i titoli siano simili, e mentre il giocatore esperto conosce le differenze, la “gente comune” no. Persone care e amici mi hanno chiesto spiegazioni perchè pensavano che il mio comportamento non fosse etico (si riferisce ai problemi di TWZ, ndr). Io davvero non credo che un estraneo possa capire bene come ci si può sentire quando hai scommesso tutto su qualcosa, mettendo tutto te stesso e la tua reputazione in gioco. Insomma non mi ha reso le cose piacevoli e non sono assolutamente d’accordo su come i consumatori sono stati trattati.

Hall ha ragione o secondo voi deve solo imparare a fare i conti con le normali leggi di mercato e concorrenza? Mentre ci riflettete, vi ricordo che la beta privata di DayZ è ai nastri di partenza, in preparazione dell’uscita della versione Standalone.

Ti potrebbe interessare
Sin and Punishment: Successor of the Skies – la recensione
Sparatutto

Sin and Punishment: Successor of the Skies – la recensione

Quando all’attivo si vantano capolavori d’indiscusso valore, rimasti nella storia videoludica di sempre, rientra nella normalità che chiunque si aspetti da te non meno dell’eccellenza. Ed è questo il grado raggiunto da alcune perle di Treasure, i cui nomi fanno già tremare le ginocchia. Dal celeberrimo Gunstar Heroes, al visionario Radiant Silvergun, oltre alla doverosa