Wii U “meglio” e “peggio” di Wii dopo il primo mese negli USA

Wii U vende di meno ma incassa di più rispetto a Wii nello stesso arco di tempo, ossia dopo un mese dall’approdo sugli scaffali. E i motivi non mancano

Il primo mese di Wii U ce lo siamo oramai lasciati alle spalle, ed è nuovamente tempo di bilanci. Puntuali giungono le prime stime inerenti al mercato americano, ed altrettanto puntualmente i primi confronti col predecessore della nuova console Nintendo, ossia Wii. I dati, per quanto non sorprendenti, risultano abbastanza singolari.

Se da un lato, infatti, Wii U, nel medesimo lasso di tempo, ha venduto 125 mila unità in meno rispetto a Wii (460 mila contro i 475 mila di quest’ultima), la voce entrate riporta una situazione opposta. L’ultima console casalinga di Kyoto ha incassato 300 milioni di dollari, contro i 270 milioni di colei che l’ha preceduta. Per il momento i dati vanno presi così per come sono, visto che non viene specificato quali e quanti tra le Wii U vendute sono edizioni standard o premium.

Di riflesso, anche le azioni Nintendo hanno beneficiato di questo scenario, registrando un incremento del 5,6%, miglior risultato dal 18 Settembre ad oggi secondo Bloomberg. Stando a quanto dichiarato da Makoto Sengoku analista presso la Tokai Tokyo Securities, è stato proprio il report inerente al mercato americano ad aver attirato l’investitori. Tuttavia, sottolinea lo stesso analista, si tratta di un incremento che potrebbe avere vita breve.

Per concludere, è bene evidenziare due elementi. Il primo inerente alla disparità di prezzo: al lancio, Wii costava 249 dollari, contro i 299 dell’edizione standard di Wii U. Non solo. In secondo luogo, ricordiamo tutti i problemi che ebbe Nintendo nel 2006 a livello di scorte, con una domanda superiore all’offerta dopo la prima infornata. Insomma, per il momento non ci resta che prendere atto dei numeri, in attesa di ulteriori riscontri.

Ti potrebbe interessare