Arma 3 slitta a 2013 inoltrato, Bohemia fa i conti con “circostanze impreviste”

Bohemia Interactive annuncia pubblicamente che il suo FPS militaristico slitterà a 2013 inoltrato, inevitabile il collegamento coi guai giudiziari in Grecia, dove due sviluppatori del progetto sono ancora detenuti per presunto spionaggio.

Non è stato un anno ordinario per Bohemia Interactive. Prima il successo inaspettato di DayZ, la mod per Arma 2 che ha attirato a se 1,4 milioni di giocatori e attualmente in fase di sviluppo per una versione standalone, e poi la brutta storia dell’arresto per spionaggio di Ivan e Martin, due sviluppatori attivi sul progetto Arma 3.

E proprio per questi fatti non ci stupisce più di tanto che la casa ceca abbia deciso di far slittare le scadenze per Arma 3 a 2013 inoltrato. Continua dopo la pausa.

“I tempi aggiuntivi di sviluppo permetteranno al progetto di raggiungere il suo pieno potenziale”, scrive Bohemia su un comunicato diffuso in queste ore, e di conseguenza possiamo dire addio alla community alpha prevista per dicembre 2012, che per forza di cose verrà rinviata ad un periodo non meglio definito dell’anno prossimo.

Con la situazione di Ivan e Martin ancora detenuti in Grecia e l’assenza di notizie rassicuranti era prevedibile che si andasse incontro a un ritardo del gioco. Il collegamento tra le due cose appare evidente anche dalle parole di Boris-Jav van ‘t Land, project manager contattato da Destructoid, che dichiara che lo studio è “in un processo di implementazione di cambiamenti che aiuteranno a innovare anche in presenza di circostanze impreviste e problemi che semplicemente non potevamo immaginare”.

“Stiamo ancora cercando di dare un senso alla situazione”, continua van’t Land, “e speriamo che i nostri colleghi verranno rilasciati presto. E’ una condizione che ci influenza su un livello personale, ma continueremo a lavorare agli elementi chiave necessari per la pubblicazione di Arma 3”.

Arma 3, ricordiamo, è un FPS simulativo sviluppato su PC, ambientato nel 2030 in un’isola greca immersa in un conflitto immaginario tra USA e Iran.

Via | Bohemia Interactive | Destructoid

Ti potrebbe interessare
[E3 2011] The Darkness II: nuovo video di gioco e qualche immagine “tenebrosa”
First Person Shooter Pc Ps3

[E3 2011] The Darkness II: nuovo video di gioco e qualche immagine “tenebrosa”

Direttamente dagli stand di 2K Games, eccovi offerta una succulenta video-dimostrazione di The Darkness II (con immagini al seguito) ricca di dettagli sul sistema di combattimento, sull’interfaccia di gioco e sugli aspetti prettamente “artistici” dello sparatutto in salsa horror sviluppato dai ragazzi di Digital Extremes.Il titolo si colloca cronologicamente a due anni di distanza dalle

Nintendo contenta degli ultimi dati NPD
Mercato

Nintendo contenta degli ultimi dati NPD

Nintendo ha rilasciato un comunicato stampa ufficiale che celebra l’annuncio dei dati NPD di Gennaio 2009, sottolineando un’importante statistica:Mentre l’industria dei videogiochi è cresciuta di 150 milioni di dollari (il 12 per cento) di anno in anno, il totale delle vendite di Nintendo è salito di 300 milioni di dollari in Gennaio.Secondo Nintendo quindi, è

Frontlines: Fuel of War avrà 50 giocatori online
First Person Shooter Pc Xbox 360

Frontlines: Fuel of War avrà 50 giocatori online

Attraverso il forum ufficiale degli sviluppatori Kaos Studios, è stato reso noto che lo sparatutto in prima persona Frontlines: Fuel of War riuscirà a supportare fino a 50 giocatori in contemporanea nelle partite multiplayer. Se questo venisse confermato sarebbe un record: finora il numero massimo era di 40 giocatori in contemporanea su Resistance: Fall of

Guitar Hero III: il demo senza protezioni
Demo Pc Ps3

Guitar Hero III: il demo senza protezioni

Il disco demo di Guitar Hero III: Legends of Rock incluso nella confezione di Tony Hawk’s Proving Ground sembra non avere protezioni di sorta, e può quindi essere masterizzato e partire su qualsiasi Xbox 360, anche senza chip di modifica. Il demo in versione “legittima”, scaricabile su Xbox Live, dovrebbe invece arrivare entro poche settimane.