PlayStation 3 a quota 70 milioni, Move a 15 milioni

Sony pubblica i dati di vendita aggiornati per PlayStation 3 e Move, a distanza di sei anni dall’uscita della console.

PlayStation 3 e Xbox 360 alla pari, o quasi. Sony ha infatti pubblicato una press release nella quale ha annunciato i 70 milioni di unità vendute per la sua console casalinga, che va così a pareggiare i conti resi noti da Microsoft a fine ottobre per la piattaforma concorrente. Nello stesso annuncio, Sony ha comunicato per PlayStation Move i 15 milioni di pezzi venduti, a distanza di circa un paio d’anni dal suo lancio sul mercato avvenuto nel 2010.

Proprio in questi giorni, PlayStation 3 ha compiuto il suo sesto compleanno, almeno per quanto riguarda la sua uscita in Giappone avvenuta l’11 novembre 2011. Per festeggiare lo stesso tipo di ricorrenza anche da queste parti dovremo invece aspettare fino al prossimo 23 marzo, visto che l’arrivo di PlayStation 3 in Italia è avvenuto proprio nello stesso giorno del 2007.

Al momento, nonostante le numerose voci in merito, non ci sono ancora notizie ufficiali su PlayStation 4.

Via | Engadget.com
Foto | Getty Images

Ti potrebbe interessare
Il padre di Kratos non sarà all’E3 col suo nuovo titolo
Curiosità

Il padre di Kratos non sarà all’E3 col suo nuovo titolo

In seguito alla presunta conferma della presenza di un certo Twisted Metal: Harbor City al prossimo E3, David Jaffe si è sentito in dovere di intervenire per smentire categoricamente questa possibilità. O forse sarebbe giusto dire che la sua smentita ha una duplice valenza. Ma a lui la parola.Bene, vi assicuro al 100% che non

Diablo III: il necromante potrebbe tornare
Mac Os Pc RPG

Diablo III: il necromante potrebbe tornare

Quando è stata annunciata la nuova classe del Witch-Doctor, molti appassionati erano dispiaciuti per la mancanza dell’amato necromante.E’ possibile mantenere viva la speranza, poiché il Lead Designer Jay Wilson, in un intervista rilasciata a MTV Multiplayer, ha detto che forse si potrà ancora resuscitare i morti.Wilson ha ammesso che il team di sviluppo era diviso