Borderlands 2: prima immagine di gioco della classe Mechromancer

Borderlands 2: la già celebre classe DLC Mechromancer si mostra per la prima volta all’interno del gioco vero e proprio.


La classe Mechromancer di Borderlands 2 è stata immortalata per la prima volta in una sequenza di gioco. L’immagine è stata poi pubblicata sull’account Twitter associato al personaggio stesso.

Ricordiamo che la classe Mechromancer sarà disponibile per tutti i formati a partire dal 16 ottobre, e si va ad aggiungere alle quattro già presenti sul disco base. Si tratta di una ragazza cyborg con grandi abilità tecnologiche che può evocare a piacere un mech gigante per farsi assiste in battaglia.

Il DLC avrà un prezzo di 800 punti Microsoft / 9,99€.

Borderlands 2 Mechromancer
Borderlands 2 Mechromancer

Ti potrebbe interessare
PlayStation 3: 1 milione di console in Europa
Senza categoria

PlayStation 3: 1 milione di console in Europa

Dopo poco più di 2 mesi dalla commercializzazione PlayStation 3 ha finalmente raggiunto il traguardo del primo milione di unità vendute in Europa. A seguito di un buonissimo sprint iniziale, soprattutto nel Regno Unito, la panciuta console nera ha subito una brusca frenata. I risultati sono[…]

Star Trek: Legacy su Xbox 360
Screenshot Simulatore Xbox 360

Star Trek: Legacy su Xbox 360

Da Bethesda Softworks arrivano le prime immagini di Star Trek: Legacy per Xbox 360. Il gameplay vede i giocatori al comando dei vascelli della flotta e alle prese con battaglie epiche nell’intera galassia, il che non rappresenta forse nulla di nuovo. Tuttavia il gioco promette molto bene. Inoltre è inclusa la modalità multiplayer, molto allettante.

Demo di Ninety-Nine Nights disponibile su Xbox Live
Action Demo Xbox 360

Demo di Ninety-Nine Nights disponibile su Xbox Live

La Microsoft ha finalmente reso disponibile su Xbox Live la demo di Ninety Nine Nights. Il gioco, sviluppato dal team Q Entertainment in collaborazione con Phantagram e guidato da Tetsuya Mizuguchi, è già stato lanciato da qualche tempo sul mercato giapponese senza peraltro riuscire ad ottenere il consenso sperato.L’uscita in Europa e Stati Uniti è