Il CercaGioco: la fuga dalla prigione

Nuovo appuntamento col CercaGioco di Gamesblog: ritrova i giochi del passato!


Ritorna la nostra rubrica chiamata CercaGioco, destinata ad aiutarci a riscoprire i titoli del passato offrendo allo stesso tempo un servizio di “memoria” per tutti coloro che hanno dimenticato come si chiamava il loro gioco preferito giocato in sala giochi, a casa o in qualsiasi altro luogo. Avete un gioco che vorreste rigiocare, ma del quale proprio non riuscite a ritrovare il nome e quindi ad avere modo di mettere su un emulatore per rivivere gli attimi della vostra inanzia? Segnalatecelo nei commenti a questo stesso post e/o scrivendo a [email protected] offrendo alcune indicazioni, che possano essere possibilmente utili agli altri lettori del blog e alla redazione stessa per tirare fuori il nome.

Noi e tutta la community vi aiuteremo così a ritrovare i giochi della vostra gioventù, che potrebbero così poi finire anche all’interno dello stesso angolo della nostalgia. Oggi proviamo ad aiutare isokit, che ci offre questi indizi:

Si tratta di un gioco intorno agli anni 96-97. Grafica isometrica. Il gioco partiva con il tuo personaggio chiuso in una specie di prigione. Tu potevi contrallare gli stati emotivi del personaggio (tipo: rabbia, tranquillo etc) e ovviamente lui si comportava di conseguenza. Mi ricordo che per uscire dalla prigione, mettevi come stato arrabbiato e il personaggio andava avanti e dietro nervosamente, finché la solita guardia stupida non interviene; tramortendola si guadagnava la libertà; dopo questo punto si arrivava, se non ricordo male, su una specie di spiaggia. Se non sbaglio, si personaggio era vestito di bianco. Non ricordo altro. Grazie in anticipo a tutti quanti.

Sotto con le risposte!

Foto | Flickr

Ti potrebbe interessare
Il 12% degli individui non è compatibile con il 3D
Curiosità Mercato Nintendo 3DS

Il 12% degli individui non è compatibile con il 3D

Ormai è chiaro che la tecnologia del 3D sia diventata la più gettonata per il futuro dell’intrattenimento. Al di là del Nintendo 3DS, comunque, sembra che ogni altro produttore stia investendo milioni per iniziare la sensibilizzazione degli acquirenti verso le TV 3D e i famigerati occhiali polarizzati.Secondo uno studio portato avanti dal British Eyecare Trust,