Nintendo non nega Zelda: Majora’s Mask su 3DS

Eiji Aonuma ritiene che una pressante richiesta da parte dei fan darebbe adito ad un remake di Majora’s Mask su 3Ds


Poco più di un mese è trascorso dall’uscita di Zelda: Ocarina of Time 3D, remake dell’omonimo titolo uscito anni or sono su Nintendo 64. Tra recensioni stratosferiche e vendite alle stelle, era inevitabile che si finisse a discutere di un altro capitolo della serie, ossia Zelda: Majora’s Mask. Parliamo dell’episodio uscito subito dopo Ocarina of Time, e forse per questo meno “chiacchierato” rispetto al predecessore.

Tuttavia è innegabile che anche il sesto episodio della serie abbia fatto breccia nei cuori di molti fan di Zelda. Fan che adesso potrebbero cominciare a sperare in un rifacimento su 3DS, così come avvenuto con Ocarina of Time 3D. Pur non esponendosi più di tanto in tal senso, Eiji Aonuma si è detto possibilista a riguardo, ma dipenderà dalla risposta degli appassionati della serie (via Zeldainformer). Non a caso questa componente si rivelò fondamentale anche ai fini del titolo uscito il mese scorso. Chissà, quindi, che non sentiremo parlare a breve di un Majora’s Mask 3D.

Ti potrebbe interessare
Red Dead Redemption: in arrivo un aggiornamento
Action Contenuti Aggiuntivi Ps3

Red Dead Redemption: in arrivo un aggiornamento

Rockstar ha annunciato una patch per Red Dead Redemption in arrivo la prossima settimana. Fra le novità vengono segnalate numerose correzioni per la connettività multiplayer, dei problemi per la riscossione della taglia di Mo Van Barr, e altri ancora. Sono inoltre stati annunciati due vestiti gratuiti: Expert Hunter e Savvy Merchant. Ognuno di essi porterà

Gli sparatutto sono un ottimo allenamento per la vista
Action First Person Shooter Opinioni

Gli sparatutto sono un ottimo allenamento per la vista

No ragazzi, la frase che dà il titolo a questo articolo non è una manifestazione d’amore per i videogiochi d’azione, nè è la conseguenza diretta dell’assunzione di un qualche tipo di oppiaceo venezuelano (non in questo caso, almeno): secondo i ricercatori dell’Università di Rochester, infatti, i videogiocatori che si cimentano quotidianamente con gli sparatutto riescono