World of Warcraft diventa (in parte) free-to-play

Blizzard non chiederà soldi per giocare a World of Warcraft, almeno all’inizio: scopri i dettagli su Gamesblog.


Anche World of Warcraft abbraccia la formula del free-to-play, o almeno lo fa solo in parte, visto che si tratta di poter arrivare fino al livello 20 del gioco senza pagare, diversamente da quanto era possibile finora nella versione di prova del gioco di ruolo online, limitata a un determinato lasso di tempo.

I giocatori intenzionati ad avvicinarsi al mondo di Azeroth hanno ora la possibilità di godersi i primi 20 livelli del gioco, per quanti personaggi vogliono, in libertà senza dover sborsare un solo centesimo, con alcune limitazioni: tra di esse l’impossibilità di fondare gilde e prendere parte a quelle già esistenti, auction house vietata e quantitativo di gold (la moneta del gioco) limitato a 10. Un prezzo tutto sommato adeguato considerando quanto viene ora offerto da Blizzard.

Ma non finisce qui, visto che una volta raggiunto il livello 20, se intenzionati ad acquistare il gioco si potrà comprare la versione base più la prima espansione, Burning Crusade, al prezzo di 14,99€ tramite il negozio online. Con uno Star Wars: The Old Republic in arrivo, ecco le prime contromisure da parte dell’attuale re del genere MMORPG.

Via | PCgamer

Ti potrebbe interessare
Max Payne giocato con Kinect e Wiimote
Action Curiosità Xbox 360

Max Payne giocato con Kinect e Wiimote

Ricordate quando l’altro giorno abbiamo visto Call of Duty 4 giocato con Kinect? L’opera di demize2010 (al secolo Jack Schofield) ha lasciato ben sperare per un possibile futuro in cui contare su un buon livello di precisione: se del resto c’è riuscito un programmatore, per quanto abile, figuriamoci volendo cosa può essere possibile a Microsoft

Echochrome
Ps3 Video e Trailer

Echochrome

Scrivevo en passant durante la presentazione di Sony di questo gioco: In sostanza si tratta di un puzzle game in cui una figura stilizzata attraversa labirinti 3d di ispirazione escheriana che vengono modificati dalla rotazione della visuale. Nonostante la fretta continua a non venirmi una definizione migliore. Evviva la semplicità, gustatevi il video.

Il futuro dei videogame
Segnalazioni Varie

Il futuro dei videogame

Guardo sempre con un certo affetto gli articoli del passato sul “futuro” (che poi sarebbe il nostro presente). Sono particolarmente godibili le riviste di divulgazione scientifica americane alla popular mechanics pubblicate nel dopoguerra, con fantasiose elaborazioni sul futuro della tecnologia (da qualche parte esiste un blog completamente dedicato alla cosa, ma ho perso il link).