RPCS3: l'emulatore di PS3 migliora le prestazioni, nuovo video con Fight Night Round 4

Il collettivo di programmatori amatoriali dietro all'emulatore di PS3, RPCS3, continua a migliorare il proprio software gratuito: ecco l'ultimo video
Il collettivo di programmatori amatoriali dietro all'emulatore di PS3, RPCS3, continua a migliorare il proprio software gratuito: ecco l'ultimo video

PlayStation 3 è sempre stata una console particolarmente difficile da emulare, sia per la potenza computazionale dell’hardware della piattaforma last-gen di Sony sia per la sua “originale” architettura basata sul processore Cell: molti, però, non sanno che è ormai diverso tempo che un buon emulatore esiste eccom e si tratta di RPCS3, un progetto amatoriale in continua evoluzione e scaricabile gratuitamente sul sito ufficiale dei suoi creatori.

La compatibilità, come spesso avviene in questi casi, varia da gioco a gioco e può produrre risultati che variano sensibilmente in base al sistema utilizzato per compiere l’emulazione di PlayStation 3, ma configurando tutto a puntino i titoli completamente fruibili sono già parecchi. Allo stato attuale del progetto, qomunque, è necessario un computer piuttosto potente per far girare l’emulatore ed evitare rallentamenti di sorta.

[related layout=”big” permalink=”https://www.gamesblog.it/post/458104/console-next-gen-xbox-scarlett-battera-ps5-secondo-engadget”][/related]

Il video confezionato da uno dei membri del collettivo di programmatori amatoriali dietro all’emulatore RPCS3 mostra l’ultima versione del software con Fight Night Round 4, uno dei videogiochi più “pesanti”: il sistema utilizzato per far girare il gioco su PC comprende un processore Intel Core i5-7600k, una scheda grafica EVGA GTX 1080 FTW2 e una memoria RAM ad altre prestazioni 16GB Corsair Vengeance LPX DDR4 3200.

Ci teniamo comunque a precisare che la notizia in questione viene riportata con il solo scopo di testimoniare gli avanzamenti tecnologici delle macchine da gioco moderne e delle tecniche di emulazione. Il nostro intento, di conseguenza, non è quello di incitare o favorire la pirateria, pratica che condanniamo in ogni sua forma.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti