Paradox: "I DRM sono uno spreco di denaro, non li usiamo da 8 anni"


Neanche all'amministratore delegato di Paradox Interactive Fred Wester vanno a genio i DRM. Lo ha raccontato in una recente intervista a GameSpy, dove spiega le motivazioni della sua posizione. Secondo Wester, i DRM come SecuROM di Sony sono uno spreco di denaro, proteggono il software per tre giorni e poi creano una gran quantità di supporto tecnico, senza alcun beneficio sulle vendite.

Il CEO ha rivelato che la sua azienda non usa alcuna forma di protezione anticopia da ben otto anni. Ha anche una sua teoria particolare che spiega la ragione dell'accanimento su DRM tanto scomodi quanto inefficaci. Secondo Wester l'uso dei DRM serve semplicemente a coprirsi le spalle, hanno un puro significato politico e sono voluti da chi non ne capisce nulla del settore, come le compagnie di investimento che finanziano i progetti, che si illudono che l'uso di quelle protezioni arcaiche serva davvero ad arginare la pirateria.

"Chi compra un gioco deve avere la vita facile così come uno che pirata un gioco -- continua Wester -- altrimenti c'è un incentivo negativo per chi compra un gioco legale. Il CEO aggiunge inoltre che le protezioni di Ubisoft potevano avere senso nel 2003, di certo non nei giorni attuali.

Le esternazioni negative del capo di Paradox non sono una novità nell'industria, e vanno ad aggiungersi alle altre ben note lamentele di Gabe Newell di Valve e di Marcin Iwinski di CD ProjeKt.

Via | GameSpy

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: