Mad Max: immagini e video sulla storia e sui veicoli

Diamo uno sguardo alla campagna principale e ai folli veicoli che vedremo sfrecciare tra le dune infuocate e insanguinate del prossimo videogioco di Mad Max

Mad Max: Fury Road sta sbancando i botteghini di mezzo mondo, e così gli sviluppatori svedesi degli Avalanche Studios e i produttori di Warner Bros. Interactive Entertainment salgono sul carro (o meglio, sulla Magnum Opus) del vincitore per offrirci degli importanti aggiornamenti sul progetto del videogioco di Mad Max sottoforma di un trailer dedicato alla componente narrativa del titolo e di una serie di screenshot inediti con cui possiamo ammirare alcuni dei bolidi che vedremo sfrecciare nelle Wasteland per tutta la durata dell'avventura.

Il nuovo action sandbox ad alto contenuto di ottani partorito dalla vulcanica mente degli autori della serie di Just Cause correrà parallelamente alla storia dell'ultimo film di George Miller e seguirà un canovaccio narrativo più aperto per consentirci di scegliere liberamente le aree da esplorare, le missioni da seguire e i personaggi secondari con cui interagire.

Il filo conduttore che legherà gli eventi della campagna principale alle violente azioni che compiremo nelle sessioni open-world sarà rappresentato dalla ricerca di Interceptor, la mitica auto di Max Rockatansky sottrattagli dagli sciacalli e dalle bande di criminali che popolano le Wasteland. Tra una scazzottata e una gara automobilistica tra le sabbie infuocate del deserto che domina questo universo post-apocalittico, il nostro scopo sarà perciò quello di rientrare in possesso di Interceptor superando ogni avversità attraverso il costante potenziamento delle abilità del proprio alter-ego e, soprattutto, del mezzo attualmente in suo possesso, il Magnum Opus.

Il promettente videogioco di Mad Max sarà disponibile a partire dal 4 settembre su PC, PlayStation 4, Xbox One e Steam OS. Le versioni PS3 e X360 originariamente previste, lo ricordiamo, sono state definitivamente accantonate in favore di una maggiore resa grafica - e celerità nello sviluppo - delle edizioni current-gen.

  • shares
  • Mail