Xbox One, Microsoft sull’always online: “Sorpresi dalle reazioni, volevamo fare meglio”

Microsoft non pensava che l’always online le avrebbe attirato così tante critiche: dichiarazioni importanti di Albert Pennello

Il peggio è passato, non solo per Microsoft che ha dovuto rispondere alle critiche di migliaia e migliaia e ancora migliaia di fan, ma anche per tutti coloro che non potevano assolutamente credere che la compagnia avesse davvero pensato all’always online per Xbox One. Peccato che a Redmond si siano trovati in un certo senso costretti a fare marcia indietro: in altre circostanze – ha spiegato chiaramente l’azienda – il progetto sarebbe continuato.

Le dichiarazioni sono sempre dell’Albert Pennello che qualche giorno fa ha messo in evidenza come il prezzo di Xbox One andasse meglio spiegato ai giocatori; stando a quanto rivelato, Microsoft è stata molto “sorpresa dalla reazione e dalle ipotesi che la gente ha fatto su ciò che stavamo provando a realizzare“.

In data 5 settembre, precisamente a Rev3Games, Pennello ha fatto intendere che alcuni fan si sono pentiti del comportamento avuto in precedenza; non pochi – ha spiegato – “stanno dicendo ‘Mamma, mi piacerebbe che alcune di queste funzionalità potessero tornare!’. Il problema è stato che la gente ha pensato che volessimo fare qualcosa di malvagio o anti-consumatore“.

L’obiettivo di Microsoft

Il punto non è la logica anti-consumatore – un’ottica del genere difficilmente genererebbe fior fior di guadagni -: i problema sta nel fatto che l’always online era davvero irrealizzabile, in primo luogo perché non tutte le connessioni sono parimenti efficienti; in secondo luogo, perché questo avrebbe senz’altro spinto verso il digitale (che, diciamocelo, non è simpatico proprio a tutti…).

“Stavamo guardando ciò che fa Steam – ha continuato Albert Pennello – ciò che sta facendo iOS, stavamo guardando dove i consumatori stanno andando e pensando che potevamo fornire una migliore esperienza all-digital [e che tutto] sarebbe potuto accadere prima di quanto non pensassero i giocatori”.

A distanza di qualche mese, siete contenti del cambio di rotta di Microsoft?

Ti potrebbe interessare
Microsoft: Natal può rimpiazzare il telecomando della TV
Varie Xbox 360

Microsoft: Natal può rimpiazzare il telecomando della TV

Marc Whitten, direttore generale di Xbox Live, ha parlato di Project Natal estendendone le possibilità di utilizzo anche come telecomando per la TV. «Credo che questo sia il più grande balzo in avanti nell’esperienza televisiva dai tempi del telecomando. Con un piccolo gesto posso cambiare canale, con la mia voce posso far iniziare un film»

Dragon Age: Origins si racconta in video
Pc Ps3 RPG

Dragon Age: Origins si racconta in video

Nel nuovo video dedicato a Dragon Age: Origins, il product manager di BioWare, al secolo David Silverman, ci descrive a grandi linee ciò che la casa di sviluppo sussidiaria di EA sta facendo per rendere davvero imperdibile il suo ennesimo gioco di ruolo di stampo occidentale (dopo i vari KOTOR, Mass Effect, Neverwinter Nights e