BioShock Infinite: Booker DeWitt ci guarda in cagnesco dalla copertina ufficiale

BioShock Infinite: copertina ufficiale - galleria immagini

Dopo essersi speso in prima persona per annunciare l'assenza di una componente multiplayer in BioShock Infinite, Ken Levine pone ulteriormente l'accento sull'esperienza di gioco in singolo sorprendendo tutti immortalando il protagonista Booker DeWitt nell'immagine scelta per la copertina ufficiale dell'attesissimo sparatutto degli Irrational Games.

La spiazzante decisione presa dagli sviluppatori americani di affidare all'ex detective della Pinkerton il ruolo di "mascotte ufficiale" di Infinite sta scatenando in queste ore un vivace dibattito tra gli appassionati e gli abitué dei forum dedicati alla saga culto di Levine: quasi tutti, infatti, avrebbero scommesso che sul boxart definitivo sarebbe finita la bella Elizabeth, la ragazza dotata di poteri soprannaturali che dovremo portare in salvo prima che la lotta tra classi scoppiata su Columbia degeneri in una guerra civile. Continua dopo la pausa.

BioShock Infinite: copertina ufficiale - galleria immagini

BioShock Infinite: copertina ufficiale - galleria immagini
BioShock Infinite: copertina ufficiale - galleria immagini

In continuità con le copertine dei due capitoli precedenti (dedicate entrambe alla figura del Big Daddy), inoltre, sarebbe stato più "logico" immortalare Booker intento a proteggere Elizabeth dall'assalto di un Handyman, senza contare il grande valore artistico che avrebbe avuto la copertina se ci si fosse limitati ad offrire uno scorcio dei magnifici palazzi fluttuanti della città utopica di Columbia e null'altro: di soluzioni alternative e meno anonime di quella presa dagli Irrational Games con questo boxart, insomma, non sarebbero di certo mancate.

Lasciamo a voi ogni commento ulteriore a riguardo e, già che ci siamo, vi ricordiamo che l’uscita di BioShock Infinite è prevista per il 26 febbraio su PC, PlayStation 3 e Xbox 360, mentre per la versione da destinare all’utenza di Wii U ci sarà da attendere almeno fino alla metà del 2013.

  • shares
  • Mail