Visceral Games: “gli sviluppatori devono diventare più bravi nella narrazione”

Gli sviluppatori di videogiochi devono diventare più bravi nella narrazione delle storie. A sostenerlo in un’intervista rilasciata a MTV è Wright Bagwell, direttore creativo di Visceral Games. «Non c’è dubbio che i game designer debbano diventare narratori più efficaci, e questo non significa che abbiamo bisogno di più scene d’intermezzo nei giochi. Per anni i


Gli sviluppatori di videogiochi devono diventare più bravi nella narrazione delle storie. A sostenerlo in un’intervista rilasciata a MTV è Wright Bagwell, direttore creativo di Visceral Games.

«Non c’è dubbio che i game designer debbano diventare narratori più efficaci, e questo non significa che abbiamo bisogno di più scene d’intermezzo nei giochi. Per anni i designer hanno cercato di copiare le formule utilizzate dai cineasti di Hollywood adattandole ai viodegiochi. Questo può funzionare fino a un certo punto, ma è obbligatorio che chi crea un gioco confezioni la narrazione all’interno del gioco, mantenendo il giocatore in controllo»

E continua:

«Un buon game designer deve essere capace di distinguere fra profondità ed eccessiva complicazione sia nelle meccaniche di gioco che nella scrittura della trama. Si deve volere che la gente si diverta sia dal primo momento che comincia a giocare, quindi è importante non caricare sulle spalle degli utenti tutorial troppo complicati o narrazioni intricate e irrilevanti della storia relativa a prima degli eventi che l’utente andrà poi a giocare»

Nei giorni scorsi Visceral Games ha invaso gli scaffali dei negozi con Dead Space 2, del quale vi proporremo la nostra recensione molto presto.

Ti potrebbe interessare
Dance like a blood elf!
Senza categoria

Dance like a blood elf!

Non so voi ma secondo me il blood elf che balla come Napoleon Dynamite è veramente troppo bello da vedere! (anche se niente supera l’headbanging dell’undead..) e sicuramente molti sceglieranno questa razza più per vederla ballara che per usare il silence razziale di cui tanto si parla.. nella[…]