Sniper: Ghost Warrior avrà un seguito

City Interactive ha confermato che Sniper: Ghost Warrior (arrivato in estate su PC, PS3 e X360) avrà un seguito, già in lavoro presso il team di sviluppo polacco, autore del primo capitolo che di certo non verrà ricordato nel corso del tempo come uno dei capolavori visti nel 2010 appena conclusosi. Ma riprovarci sicuramente fa


City Interactive ha confermato che Sniper: Ghost Warrior (arrivato in estate su PC, PS3 e X360) avrà un seguito, già in lavoro presso il team di sviluppo polacco, autore del primo capitolo che di certo non verrà ricordato nel corso del tempo come uno dei capolavori visti nel 2010 appena conclusosi. Ma riprovarci sicuramente fa bene, soprattutto visto che il seguito di Sniper: Ghost Warrior potrà contare sul CryEngine.

In realtà, anche il primo capitolo (nonostante una media di certo non lusinghiera su Metacritic) ha avuto la propria fetta di appassionati, al punto da arrivare nella top ten di vendite sul mercato del Regno Unito durante l’estate. La possibilità di poggiare le fondamenta del nuovo gioco sul CryEngine 3, usato anche per Crysis 2 da Crytek, sicuramente sarà un modo con cui City Interactive potrà muovere l’interesse di stampa e giocatori sul proprio nuovo prodotto.

Ti potrebbe interessare
Alan Wake: 5 nuove immagini
Action Screenshot Survival Horror

Alan Wake: 5 nuove immagini

Remedy torna ancora a mostrarci nuove immagini riguardanti l’attesissimo horror game psicologico Alan Wake. I 5 nuovi scatti proposti nella nostra galleria offrono ancora una volta i ritratti delle tetre ambientazioni e dei personaggi che andranno a prendere parte a questo misterioso incubo dai toni cinematografici che rimanda vagamente a capolavori del calibro di Twin

[GDC 08] Anche su Wii il multiplayer a pagamento
Brevi Online

[GDC 08] Anche su Wii il multiplayer a pagamento

Si chiamerà Pay to Play il servizio di multiplayer online a pagamento per Wii, annunciato in occasione della manifestazione Game Developers Conference dalla stessa Nintendo. Con questa mossa, il servizio attuale diventerà nei prossimi mesi il modello base, mentre Pay to Play sarà la classica versione “gold”, un po’ come con Xbox Live Gold e