Fortnite: dodicenne lascia la scuola per diventare Pro Gamer su consiglio del padre

Jordan Herzog è un ragazzo di dodici anni che ha deciso di lasciare il suo percorso di studi per abbracciare la carriera da giocatore professionista di Fortnite. Il tutto, con l’appoggio del padre

Quello di Fortnite Battaglia Reale è ormai diventato un fenomeno globale con decine di milioni di appassionati e un giro d’affari di diversi miliardi di dollari. La possibilità di guadagnare cifre esorbitanti partecipando ai tornei del kolossal sparatutto di Epic Games o semplicemente trasmettendo in streaming le proprie sessione di gioco è un richiamo troppo forte per chi, tra le giovani generazioni, guarda al futuro nella speranza di fare della propria passione una vera e propria professione.

Dalle pagine del Boston Globe rimbalza così sui canali mediatici di tutto il mondo la storia di Jordan Herzog, un ragazzo di dodici anni che, appoggiato nella sua scelta dal padre Dave Herzog, ha deciso di lasciare il suo percorso di studi per abbracciare la carriera da “Pro Gamer” di Fortnite.

Lo stesso Dave, dalle colonne del quotidiano statunitense, ammette di essere dispiaciuto dalla scelta compiuta dal suo amato figlio ma di non voler ostacolarne i sogni dopo aver notato che il ragazzo, nella speranza di diventare un giocatore professionista, passata non meno di otto ore al giorno sul gioco per acquisire l’esperienza necessaria a raggiungere i più alti traguardi nei tornei multimilionari di Fortnite Battle Royale.

Piuttosto che assistere ai fallimenti scolastici del figlio, Dave ha così acconsentito a ritirare Jordan dalla scuola per dargli modo di giocare a Fortnite, non prima di acquistare una postazione da gaming da 30.000 dollari e di cancellare le vacanze della famiglia pur di alimentare la passione del giovane che, è bene precisarlo, ha già partecipato e vinto diverse competizioni eSport riuscendo a guadagnare un totale di 60.000 dollari.

via | Boston Globe

Ti potrebbe interessare
Crisi nel settore videoludico: sono 20 gli studi chiusi nel 2012
Curiosità Mercato

Crisi nel settore videoludico: sono 20 gli studi chiusi nel 2012

Annata tutt’altro che edificante per l’industria tutta quella da cui stiamo per congedarci definitivamente. Un bilancio amaro, che fotografa in maniera impietosa una situazione sempre meno incoraggiante. Sono infatti ben 20 gli studi in parte o in toto falcidiati dalla crisi. Tra questi, una è risorta dalle ceneri sotto nuovo nome, altri non si sono

Final Fantasy XIV: i giocatori PC e PS3 potranno giocare insieme
MMO Pc Ps3

Final Fantasy XIV: i giocatori PC e PS3 potranno giocare insieme

Final Fantasy XIV sarà cross-platform: ciò significa che i giocatori PC e PlayStation 3 potranno giocare insieme online. A confermare la notizia è stato Sage Sundi, produttore del gioco. Sarà studiato un sistema identificativo nome-cognome per evitare furti d’identità e facilitare il riconoscimento nelle sessioni di gioco. Sundi ha anche specificato che la versione PS3