Call of Duty 4: Modern Warfare non molla: 15 milioni di giocatori online

Call of Duty 4: Modern Warfare ha più di un anno e mezzo di vita, eppure non accenna ancora a mollare: dopo essere stato il gioco più venduto dell’anno 2007 e aver vinto ben tre BAFTA Awards pochi giorni fa, raggiunge anche il prestigiosissimo traguardo di quindici milioni di giocatori nelle sessioni di multiplayer online

Call of Duty 4: Modern Warfare ha più di un anno e mezzo di vita, eppure non accenna ancora a mollare: dopo essere stato il gioco più venduto dell’anno 2007 e aver vinto ben tre BAFTA Awards pochi giorni fa, raggiunge anche il prestigiosissimo traguardo di quindici milioni di giocatori nelle sessioni di multiplayer online su console.

A rivelarlo alla stampa è Robert Bowling di Infinity Ward, il quale specifica poi che ben 11 milioni sono derivanti dai server di Xbox Live e 4 milioni dal PlayStation Network. La cifra è ancora più impressionante se si tiene conto del fatto che non comprende gli utenti PC, sicuramente numerosissimi.

E scommettiamo che tutti questi milioni di giocatori non vedono l’ora di mettere le mani su Call of Duty: Modern Warfare 2, che nel prossimo autunno segnerà il ritorno trionfale degli Infinity Ward nel mercato dei videogiochi dopo l’amato/odiato Call of Duty: World at War curato dai Treyarch.

via | Eurogamer

Ti potrebbe interessare
Classifiche hardware e software USA ottobre 2008 da NPD
Pc Platform Ps3

Classifiche hardware e software USA ottobre 2008 da NPD

Come ogni mese, arriva l’appuntamento bollente con le classifiche hardware e software del mercato USA fornite da NPD Group.Inutile ricordarlo ogni volta: nella classifica hardware a dominare è la solita Nintendo sia nella fetta di mercato casalinga che in quella portatile, con Wii e DS rispettivamente venduti in 803.000 e 491.000 unità. Dietro Wii a

La t-shirt di Pong… animata!
Varie

La t-shirt di Pong… animata!

L’abbigliamento geek (o Geekware che dir si voglia) è ormai una moda abbastanza affermata e che procede di pari passo con il successo del retrogaming, successo nato dal fatto che la “old school” di gamers si sente vecchia e tenta di ricordare i bei tempi di quando soffiava sulle cartucce dell’Atari 2600 per farle partire