Nintendo in crisi? Sony preoccupata: "Se fallisce, tutto il mercato verrebbe danneggiato"

Sony risponde così alla possibilità che Nintendo fallisca

Quale avrebbe potuto essere la reazione di Sony alla crisi di Nintendo? Sicuramente non questa, per qualcuno, visto che in qualsiasi mercato minore è la concorrenza maggiori, in linea di massimo, sono gli introiti (il consumatore, infatti, ha meno possibilità di scelta). Il nostro ragionamento, però, non è condiviso affatto dal direttore di Sony UK - Fergal Gara -, che ha ammesso di essere molto preoccupato dalla possibilità che Nintendo fallisca completamente e lasci il mercato (ipotesi piuttosto remota, visto che, nel caso in cui la situazione di Wii U dovesse precipitare, ci sarebbe sempre Nintendo 3DS su cui puntare).

Le parole di Fergal Gara sono state molto chiare e non fanno presagire nulla di buono: se Nintendo fallisse, potrebbe essere tutta l'industria a risentirne e non soltanto Big G:

"Potrebbero danneggiare tutto il mercato - queste, le parole che la compagnia ha rilasciato a TrustedReviews - a meno che altri, come noi, non raggiungano i consumatori più giovani. [...] La nostra sfida è questa. Dobbiamo rilasciare sul mercato più esperienze casual e orientate verso la famiglia, credo che ci sia un grosso segmento di mercato che dovremmo affrontare e vedo tantissimo potenziale per farlo".

Ricordiamo che la crisi di Nintendo non è un'invenzione della stampa o degli analisti, perché la compagnia è al suo terzo anno consecutivo in perdita: una situazione difficile - ma non impossibile - da risolvere, se considerate che, a differenza di Microsoft, la società non può contare su altri settori come la telefonia o la domotica. Quali sono i vostri pronostici e quale, la vostra ricetta per la crisi?

Via | TrustedReviews

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: