[TGS 2012] Monster Hunter 4: immagini e video dal Giappone

Gli sviluppatori del Capcom Production Studio 1 approfittano dei riflettori mediatici puntati sul TGS 2012 per diffondere delle nuove immagini e delle scene di gioco inedite di Monster Hunter 4.

Gli sviluppatori del Capcom Production Studio 1 approfittano dei riflettori mediatici puntati sul TGS 2012 per diffondere delle nuove immagini e delle scene di gioco inedite di Monster Hunter 4.

Oltre alle già note informazioni snocciolate da Capcom all’inizio del mese in concomitanza con l’uscita dell’ultimo numero di Famitsu, le sequenze filmate e le immagini proposteci quest’oggi ci regalano uno spaccato delle meccaniche di gioco open-world che rappresenterano l’architrave dell’esperienza vissuta dall’eroe protagonista nel corso della campagna principale e, soprattutto, permettono agli appassionati di lungo corso di riabbracciare Yian Kut Ku, un potente Wyvern sputafuoco presente nel ricco bestiario del primo capitolo su PS2.

Monster Hunter 4 è atteso in uscita in Giappone nella primavera del 2013 in esclusiva su Nintendo 3DS: in conseguenza del lavoro supplementare necessario per la conversione dei dialoghi e per la traduzione dei testi, noi poveri europei dovremo perciò attendere, in teoria, almeno fino alla fine del prossimo anno.

Monster Hunter 4: galleria immagini

Guarda la galleria: Monster Hunter 4 (24-7-2012)

Guarda la galleria: Monster Hunter 4 (24-7-2012)

Ti potrebbe interessare
Filmata l’introduzione di Disaster: Day of Crisis
Action Adventure Brevi

Filmata l’introduzione di Disaster: Day of Crisis

Previsto per oggi in Giappone, Disaster: Day of Crisis si mostra in questo nuovo filmato che riprende i primi minuti di gioco.Di seguito potete vedere i 9 minuti iniziali del gioco, mentre nella nostra galleria potete dare uno sguardo alle numerose immagini di questo attesissimo titolo targato Monolith Soft.Ricordiamo che l’uscita europea di Disaster: Day

Bambini e videogiochi
Segnalazioni

Bambini e videogiochi

“La grande varietà di videogiochi, con l’altrettanto ampia varietà di competenze a cui obbligano, e la straordinaria trasformazione delle nuove versioni grafiche che coinvolgono a tutti i livelli della esperienza sensoriale, mentale e corporea, vanno sempre più dissolvendo quelle barriere, a cui ci ha abituato la televisione, tra media e fruitore passivo, per generare un